Intervista a Jhumpa Lahiri autrice di Una nuova terra ISBN:9788860880406

Autrice di culto negli Stati Uniti, premiata con il Pulitzer al suo esordio narrativo nel 2000, con questo nuovo libro, Una nuova terra, la bengalese Jhumpa Lahiri è balzata in testa alla classifica di New York Times. Sono otto racconti lunghi ambientati a Boston, New York, Londra, Roma, l’India e la Thailandia. Scenari diversi per raccontare i temi cui Jhumpa Lahiri è più legata: i drammi quotidiani e famigliari di giovani immigrati di origine indiana, il loro senso di non appartenenza, le loro vite divise tra due paesi e due culture, tra la nuova libertà e il desiderio di far propria la tradizione. Ne abbiamo parlato con lei stessa nel corso di una sua recente visita all’Italia.

D. Quanto è stato difficile accettare la “Nuova terra” come proprio paese di appartenenza?

R. Non è stato facile soprattutto perché i miei genitori si sono sempre sentiti indiani, quindi io sono cresciuta in bilico tra due culture. Mi ci è voluto tempo per maturare la distanza necessaria ad accettare di far parte di una cultura diversa e capire che sentirmi americana non voleva dire tradire la mia terra d’origine.

D. Lei ha scritto racconti e un solo romanzo. Non sono molti gli scrittori che si misurano con questa forma narrativa.

R. Sono una scrittrice più concentrata che espansiva, mi piace la purezza e la compiutezza del racconto. Ammiro molto i racconti scritti da grandi scrittori come Hemingway, Alice Munro, Mavis Gallant, William Trevor e soprattutto Cecov.

D. Cosa hanno cambiato nella sua vita il successo, il Premio Pulitzer, il Pen-Hemingway, il premio del New Yorker, l’ammissione all’American Academy of Arts and Letters, il cinema…

R. Mi sono divertita a vedere L’Omonimo diventare un film di una regista come Mira Nair. Certo abbiamo potuto, mio marito e io, comprarci una casa, viviamo più rilassati, ma mio figlio parla bengalese come prima lingua, andiamo in vacanza in India, mangiamo cibo bengalese. La trasmissione della tradizione non si interrompe qui.

Commenti