Anni Sessanta “I miei genitori si sono incontrati nel treno che partiva dalla stazione londinese di King’s Cross diretto in Scozia. Fu un colpo di fulmine. Quando si sposarono avevano diciannove anni. Io sono nata un anno dopo”.

1965 31 Luglio Joanne Kathleen Rowling nasce a Chipping Sodbury, nel Gloucestershire, in una famiglia della middle class. Il padre è ingegnere, la madre, metà francese metà scozzese, è una grande lettrice.

1971 A sei anni J.K. Rowling scrive il suo primo libro, la storia di Rabbit, un coniglio che si ammala di morbillo. La famiglia si è trasferita a Bristol. In questo periodo gioca con la sorella minore e i figli dei vicini, i Potter. Tra i loro giochi preferiti, quello di travestirsi da maghi.

1974 I Rowling si trasferiscono a Tutshill, un paesino nel Galles dominato da un castello abbarbicato su una scogliera. J. K. detesta la sua nuova scuola e la sua insegnante, la prof. Morgan, di cui si ritrovano alcune caratteristiche nel personaggio di Severus Piton. “Mi schiaffò zero in matematica, e mi fece sedere in quella che lei considerava la fila dei cretini, all’estrema destra della classe”.

1976 A scuola il suo migliore amico si chiama Sean Harris, sarà lui a ispirarle il personaggio di Ron Weasley. J.K. Rowling è una ragazzina timida, piena di lentiggini, porta gli occhiali, è sempre preoccupata di essere la prima della classe, ricorda molto Hermione. Adora C. S. Lewis e Jane Austen, divora i libri (“ero come mia mamma, leggevo tutto quello che mi capitava fra le mani”); riesce molto bene negli studi e viene perfino nominata ‘Head Girl’, rappresentante degli studenti, un’importante carica nella vita scolastica inglese.

1983 Si iscrive all’università, studia letteratura francese e filologia A Exeter, dove si laurea.

1985 Vive un anno a Parigi, dove insegna inglese.

1987 Lavora per Amnesty International a Londra e, nelle pause del lavoro, comincia a scrivere un romanzo per adulti, seduta ai tavolini di pub e caffè.

1988 Segretaria a Manchester, ma non è tagliata per quel lavoro. “Chiunque abbia lavorato con me può dire che sono la persona più disorganizzata della terra…E non ne vado fiera”.

1990 “Harry Potter è comparso per la prima volta durante un viaggio in treno che mi riportava da Manchester alla stazione di King’s Cross a Londra dopo aver trascorso un fine settimana alla ricerca di un appartamento. Nella mia mente era un piccolo orfano alla ricerca della sua identità e allievo di una scuola di maghi. Capii immediatamente che scrivere questa storia sarebbe stato un vero piacere. Quella sera quindi, rientrando a casa, cominciai a scrivere su un blocchetto. Ho fatto l’elenco di tutti i romanzi che avrei scritto: dovevano essere sette. Mi ci sono voluti cinque anni per organizzare tutto il materiale e definire l’intreccio di ogni libro. Ho scritto una storia quasi completa di tutti i miei personaggi. Se ci mettessi tutti i particolari, ognuno dei miei libri avrebbe le dimensioni dell’Enciclopedia Britannica!”

Lo stesso anno muore sua madre di sclerosi multipla all’età di quarantacinque anni.

1991 Profondamente colpita dalla morte della mamma, J.K.Rowling decide di partire per il Portogallo, per insegnare inglese. A Oporto incontra il futuro marito, un giornalista televisivo. Termina di scrivere i primi tre capitoli della Pietra filosofale.

1993 Nasce la figlia Jessica, nome scelto in omaggio a Jessica Mitford (1917-1996, giornalista e scrittrice, spirito libero, combatte durante la guerra di Spagna a fianco dei partigiani). Il matrimonio non è felice; in dicembre J.K. Rowling si separa dal marito e lascia il Portogallo. Arriva con la bambina e una valigia piena di progetti a Edimburgo, dove abita la sorella. Proprio in quest’epoca il primo ministro inglese, John Major, pronuncia un violento discorso contro le madri single.

1994 Sono anni neri, J.K. Rowling vive in un piccolissimo appartamento. Va avanti grazie al sussidio di disoccupazione e si rifugia spesso nel pub del cognato per finire di scrivere il primo volume. Nel frattempo si prepara a sostenere gli esami per l’abilitazione all’insegnamento.

1995 J.K. Rowling scrive a macchina due esemplari del manoscritto. “Avevo letto che la lunghezza giusta di un libro per ragazzi è di quarantamila parole. Il mio ne aveva novantamila!”. Apre le pagine gialle, cerca alla voce ‘agenti letterari’, spedisce; il primo le restituisce il manoscritto, il secondo, Christopher Little, è scelto per il suo cognome. Christopher Little accetta di occuparsene. Il dattiloscritto è respinto da tre editori importanti.

1996 L’agente lo propone alla casa editrice Bloomsbury che accetta di pubblicarlo.

1997 Febbraio J.K. Rowling riceve un finanziamento di 8.000 sterline dallo Scottish Arts Council, grazie al quale compra un computer e continua a scrivere.

Luglio In Inghilterra Bloomsbury pubblica Harry Potter e la pietra filosofale nella collana dei ragazzi. La prima tiratura è inferiore alle cinquemila copie. Il libro ha un successo dovuto quasi esclusivamente al ‘passaparola’. Più tardi riceverà cinque premi fra i quali il Nestlé Smarties Book Prize assegnato da una giuria di bambini. In autunno la casa editrice americana Scholastic acquista all’asta i diritti del primo manoscritto “per una somma che nessuno si aspettava” : 100.000 sterline!

1998 Maggio Esce in Italia, con una tiratura iniziale di ventimila copie, Harry Potter e la pietra filosofale.

Luglio Harry Potter e la camera dei segreti esce in Inghilterra e balza immediatamente ai vertici delle classifiche dei bestseller. La notorietà della scrittrice si diffonde in tutto il mondo. Il fenomeno si diffonde anche tra gli adulti.

Autunno Harry Potter e la pietra filosofale vince in Italia il Premio Cento, il prestigioso riconoscimento per la letteratura dedicata ai ragazzi. La Warner Bros. acquista i diritti cinematografici del primo volume e di merchandising per circa un milione di dollari.

1999 8 Luglio Esce in Gran Bretagna Harry Potter e il prigioniero di Azkaban

Ottobre Esce in Italia Harry Potter e la camera dei segreti. La rivista americana Time dedica la copertina a Harry Potter. E’ la consacrazione. Dilaga la HarryPottermania nel mondo. Per la seconda volta viene nominata Autore dell’anno dalla English Bookseller Association, “J.K. Rowling è riuscita a superare la barriera che impedisce a un’opera per ragazzi di raggiungere un riconoscimento pari a quello tributato agli autori per adulti” si legge nella motivazione. I primi tre libri occupano i primi tre posti nella lista dei bestseller di New York Times.

2000 Marzo Esce in Italia Harry Potter e il prigioniero di Azkaban.

8 Luglio Esce in Inghilterra e in contemporanea in America il quarto volume, Harry Potter e calice di fuoco, battendo tutti i record di vendite nella storia dell’editoria mondiale e di attenzione da parte dei media. Iniziano le riprese del film tratto dal primo volume, regia di Chris Columbus.

Natale La BBC manda in onda per dieci ore consecutive la lettura in diretta della Pietra filosofale.

J.K. Rowling figura nella classifica annuale delle celebrità della rivista Forbes, in quinta posizione fra le 100 personalità più influenti dell’anno (Entertainment Weekly) e, al secondo posto tra le donne più ricche d’Inghilterra, dopo la Regina. Riceve due lauree honoris causa dalle università di Exeter e di St. Andrews “per aver contribuito, con i suoi libri, a fare del mondo un posto migliore”. La regina d’ Inghilterra le conferisce in dicembre la massima onorificenza Ordine dell’Impero britannico “per servizi resi alla letteratura”, ma la scrittrice non può recarsi a Londra a causa di un’influenza della figlia. La cerimonia è rimandata al 2 marzo 2001. J. K. Rowling dona una somma enorme all’associazione inglese delle madri single.

Scrive due libri, Fantastic beasts and where to find them e Quidditch through the ages, che saranno pubblicati il dodici marzo 2001 in contemporanea in Inghilterra, America e Germania e i cui proventi saranno devoluti a Comic Relief, un’associazione no profit inglese destinata a progetti in favore dei bambini del Terzo Mondo.

2001 16 febbraio Esce in Italia Harry Potter e il calice di fuoco con una tiratura di trecentomila copie, la più alta nella storia della casa editrice Salani, fondata nel 1862.

Da mesi J. K. Rowling è chiusa nella sua casa di Edimburgo, si dedica a Jessica e alla stesura del quinto volume delle avventure di Harry Potter. Non rilascia interviste e non partecipa alla promozione dei suoi libri che stanno uscendo in tutto il mondo.

“Mi sento letteralmente male se sto un po’ di tempo senza scrivere. E’ come una droga. Questo vuol dire che ho nuove idee, ma potrebbero anche non valere niente. Non sono buona a fare altro, se non a scrivere”.

12 marzo J. K. Rowling partecipa al programma televisivo per bambini ‘Blue Peter’ trasmesso dalla BBC, durante il quale risponde alle domande del pubblico. Proprio quel giorno avviene il lancio di due nuovi libri ispirati alle avventure di Harry Potter (Quidditch Through the Ages e Fantastic Beasts and Where to Find Them), i cui proventi verranno devoluti in beneficenza della Comic Relief. Di ogni esemplare, venduto al prezzo di due sterline e cinquanta, due sterline andranno alla Comic Relief. Bloomsbury provvederà a stampare per ciascuno dei due titoli due milioni copie che, una volta esaurite, non verranno ristampate.

Commenti