Tratto dal romanzo autobiografico di Eric Lomax pubblicato in Italia da Vallardi, "Le due vie del destino" è in uscita nelle sale l’11 settembre. Nel supercast, Colin Firth e Nicole Kidman

Eric Lomax, autore del libro autobiografico “Le due vie del destino” (Vallardi), da cui è stato tratto l’omonimo film (diretto da Jonathan Teplitzky) in uscita nelle sale italiane l’11 settembre, è morto 93enne nel 2012. Nella sua vita ha avuto due passioni, le radio e le locomotive, oltre a un’enorme fiducia nel progresso e nell’ordine. Ma con lo scoppio della seconda guerra mondiale, la sua placida esistenza di impiegato delle poste viene sconvolta per sempre. Inviato dalla Scozia in Asia a contrastare i giapponesi, finisce nelle loro mani ed è impiegato, insieme a migliaia di altri forzati, nella costruzione della Ferrovia della Morte tra Birmania e Siam. Per ironia della sorte, le due grandi passioni segnano anche la sua terribile esperienza di prigioniero di guerra: le privazioni subite fino a quel momento si trasformano in incubo quando la polizia militare nipponica scopre che Eric e i suoi compagni hanno costruito una radio clandestina. Finito il conflitto, a nulla valgono i tentativi di dimenticare le torture subite. Dopo anni trascorsi in un tormentoso silenzio, per un caso fortuito Lomax scopre che uno dei suoi torturatori è ancora in vita. Con l’aiuto di una donna straordinaria, dovrà fare una volta per tutte i conti con il passato e affrontare il più atroce dilemma della sua esistenza: vendicarsi o perdonare?
IL TRAILER:

Commenti