Les Mots Libres edizioni è una nuovo marchio indipendente, fondato a Bologna. La prima uscita è il romanzo "Nel paese di Mister Coltello", firmato da Federica Iacobelli e dall'illustratore Leonard. Al centro del libro, la figura visionaria di Bowie

Les Mots Libres edizioni è una nuovo marchio indipendente, fondato a Bologna nei mesi scorsi. Si tratta di uno studio editoriale che per circa dieci anni si è occupato di scolastica e parascolastica per grandi editori, e che ora ha aggiunto l’attività di editore.

Les Mots Libres

Un progetto interessante, che debutta con la collana Vidas, come le biografie dei trovatori provenzali del basso medioevo: “in esse, il racconto delle loro vite si muoveva tra storia e leggenda, intessendo insieme aneddoti romanzeschi e fatti realmente accaduti”. Stesso approccio per le biografie romanzate della collana, tra parole e figure. Si parte con il surreale Nel paese di Mister Coltello, firmato da Federica Iacobelli e dall’illustratore Leonard (Leonardo Torchi).

les mots

Al centro del volume, un mito della musica, recentemente venuto a mancare: David Bowie. Nel libro, Stella Stern è una moderna Alice che si ritrova improvvisamente a scoprire la fgura di Mister Coltello: Bowie, appunto. Tra volti illustrati, incontri visionari e costumi multiformi, la protagonista si tuffa a occhi aperti nel mondo dell’artista britannico.

Come si legge nella presentazione di questo romanzo illustrato, è dalla musica che sono nate le evocative illustrazioni di Leonard, immagini che la storia di Iacobelli reinterpreta e fa proprie. Ciò che muta è infatti lo sguardo dei due autori: se Leonard è un fan della popstar londinese, Iacobelli guarda all’artista con ironica distanza. Ed è proprio questo scettico distacco a dare avvio alla storia.

È attesa per l’autunno, invece, la prima uscita della collana AlBoom! – gli albi col botto: albi da sfogliare, “adatti a chi sta aprendo gli occhi sul mondo e a chi è già sul cammino da un po’, ma non ha smesso di immaginare”. Staremo a vedere come si evolverà il progetto.

Commenti