È inutile negarlo: i libri che ci prendono ci fanno restare svegli tutta la notte. Poco importano gli impegni, scolastici o lavorativi, quello che conta è riuscire ad arrivare fino all'ultima pagina, per scoprire tutto della storia che ci appassiona...

Quando sei davanti al libro della tua vita, un po’ come per l’amore, lo capisci subito. I sintomi sono identici: palpitazioni, sogni a occhi aperti, testa tra le nuvole e… notti insonni.

Ebbene sì, è inutile negarlo: i libri che ci prendono ci fanno restare svegli tutta la notte. Poco importano gli impegni, scolastici o lavorativi, quello che conta è riuscire ad arrivare fino all’ultima pagina, per scoprire tutto della storia che ci appassiona.

E poi confessiamolo, la notte è il momento migliore per leggere: non ci sono doveri, non ci sono rumori, il telefono non squilla di continuo e non abbiamo nessuno attorno che possa disturbare la nostra lettura. È come vivere in un’altra dimensione, dove il tempo si sospende e noi possiamo essere liberi di dedicarci a quello che più ci piace.

Quindi, ogni tanto, impariamo a concederci una serata in compagnia di un buon libro perché, proprio come se fosse un appuntamento romantico, merita di essere vissuta come un’occasione speciale. Per esempio, mettendo una playlist che ci faccia rilassare, abbassando le luci e acciambellandoci comodamente sul divano (il letto è vivamente sconsigliato se si vogliono affrontare sessioni di lettura notturne).

E per rendere tutto davvero perfetto, non dimenticatevi di preparare uno spuntino, che si sa che dopo la mezzanotte viene sempre un po’ di fame.

Commenti