Da "Parlarne tra amici" di Sally Rooney a "Noi che ci vogliamo così bene" di Marcela Serrano, passando per "La grande amica" di Catherine Dunne, fino ad arrivare, tra gli altri, a "Fai piano quando torni" di Silvia Truzzi: una selezione di libri che raccontano l’amicizia tra donne…

Amate e odiate: il rapporto tra migliori amiche è un misto di sentimenti contrastanti e ambivalenti. In alcuni casi ci si lega da bambine e si rimane unite, tra alti e bassi, per tutta la vita; in altri, ci si incontra per caso, e si ha come la sensazione di conoscersi da sempre.

Proprio per la particolarità di questa relazione, così intensa e singolare, l’amicizia femminile è uno degli argomenti attorno a cui molti autori hanno dedicato la propria attenzione. Certo, bisogna ammettere che la maggior parte di questi libri porta la firma di una scrittrice, ma non è escluso che anche alcuni autori uomini di ieri e di oggi possano mostrarsi interessati a raccontare queste storie.

Quando si parla di libri che raccontano l’amicizia tra donne non si può non citare L’amica geniale (e/o), primo romanzo-bestseller della tetralogia di Elena Ferrante, in cui l’autrice racconta la storia di Lila e Elena, le due amiche che hanno conquistato i lettori di tutto il mondo, diventando anche protagoniste di una serie tv, di cui quest’anno è prevista l’uscita della seconda stagione.

Qui di seguito proponiamo una selezione (che ovviamente non ha la pretesa di essere esaustiva, e in cui i titoli non sono proposti in ordine di importanza) di libri di ieri e di oggi che raccontano l’amicizia tra donne.

Sally Rooney – Parlarne tra amici

parlarne tra amici

Parlarne tra amici (Einaudi, traduzione di Maurizia Balmelli) è il romanzo d’esordio di Sally Rooney, la scrittrice irlandese (da poco tornata in libreria con l’imperdibile Persone normali, Einaudi), definita “la Salinger della Snapchat generation”. Frances è una ragazza acuta e razionale, frequenta l’università a Dublino e scrive poesie, che la sua amica Bobbi declama durante serate frequentate da un’umanità molto attenta a occupare il posto giusto. Proprio durante una di queste sere, le due amiche incontrano Melissa, una fotografa e scrittrice affermata, sposata con Nick, un attore di una certa fama. Tra i quattro nasce un’insolita confidenza, che li porta a parlare di qualsiasi cosa: sesso, politica, arte e religione. Ma ancora non sono consapevoli dei rischi che comporterà la relazione che si sta instaurando tra di loro…

Marcela Serrano – Noi che ci vogliamo così bene

noi che ci vogliamo così bene

È l’estate del 1990. Ana, Maria, Isabel e Sara, quattro amiche, decidono di partire per una vacanza insieme, nella casa di Maria sul lago. Lontano dalla vita di tutti i giorni, le amiche raccontano, senza freni, le proprie personali esperienze. In Noi che ci vogliamo così bene (Feltrinelli), Marcela Serrano dà vita a un universo fatto di dolore, amore, humour, vita privata e pubblica. La casa sul lago diventa uno spazio dove le donne possono fermare il tempo e fare un bilancio di quello che sono e di quello che hanno vissuto.

Catherine Dunne – La grande amica

la grande amica

Per l’estate Miriam ha deciso di vivere un’esperienza lontano da casa, accettando di lavorare in un albergo sul mare. Qui incontra Marie-Thérèse, una ragazza di qualche anno più grande, bella, disinvolta e infinitamente più esperta, che diventa in poco tempo la sua migliore amica. Un’amica con cui condividere tutto: dalla stanza, al lavoro, alle prime esperienze “da adulta”. Con La grande amica (Guanda, traduzione di Ada Arduini), Catherine Dunne, autrice, tra gli altri, dei romanzi La metà di niente e Come cade la luce (entrambi Guanda), racconta la storia di due ragazze adolescenti che si trovano ad affrontare cambiamenti e sentimenti violenti come l’amore, l’abbandono e la nostalgia.

Federica BoscoCi vediamo un giorno di questi

ci vediamo un giorno di questi

A volte per far nascere un’amicizia basta un biscotto condiviso nel cortile della scuola: così è stato per Ludovica e Caterina, le protagoniste di Ci vediamo uno di questi giorni di Federica Bosco (Garzanti). Da quel giorno, le due bambine, diventano praticamente come sorelle. Insieme sono l’equazione perfetta: prudente e responsabile l’una, vulcanica e spericolata l’altra. Anno dopo anno, la loro amicizia si rafforza, fino ad arrivare all’età adulta, quando Ludovica si rende conto che la sua vita è troppo impacchettata e precisa, al sicuro da ogni imprevisto. Ora è arrivato il momento di slacciare le funi che saldano la barca al porto e lasciarsi andare al mare aperto, dove tutto è pericoloso, inatteso e, inevitabilmente, sorprendente. Ovviamente, Caterina, la sua inseparabile amica, sarà accanto a lei.

Molly KeaneAmiche devote 

amiche devote

Amiche devote (Astoria, traduzione di P. Mazzarelli) racconta il rapporto tra Jessica e Jane, due amiche che hanno vissuto insieme per sei mesi e che sembrano molto affiatate: ma lo sono davvero? Jessica ama l’amica in modo possessivo e morboso, la maltratta e la sottomette. Ma quando Jane incontra il gentiluomo irlandese George Playfair, qualcosa cambia. Jessica si trova costretta a competere con lui, per non perdere la devozione della ragazza e il primato nel suo cuore. La scrittrice Molly Kane indaga le dinamiche di potere, le relazioni ambigue e il vischioso snobismo delle grandi casate irlandesi degli anni venti e trenta.

Victoria Redel – Restare vive

restare vive

Fin dalla prima media, Anna, Helen, Caroline, Molly e Ming sono le “Vecchie Amiche”. Per tutta la vita, hanno condiviso ogni caso. Ora, una di loro, è malata. Anna è arrivata all’ultima stagione di una malattia contro cui non vuole più combattere, così le altre le si stringono intorno per parlare, ridere e condividere scampoli di normalità sullo sfondo della sua casa tra le colline del Massachusetts. Restare vive (Einaudi, traduzione di Paola Brusasco) è il primo romanzo di Victoria Redel, in cui la scrittrice e giornalista statunitense racconta il potere di un’amicizia che riesce a resistere a qualsiasi cosa: anche alla morte.

Silvia TruzziFai piano quando torni

fai piano quando torni

Margherita ha trentaquattro anni. È bella, ricca, ha tutto quello che potrebbe desiderare, ma non riesce a sopportare la scomparsa del padre e l’abbandono del fidanzato. Dopo un incidente d’auto si risveglia in ospedale. Qui incontra una signora anziana che da poco è stata operata al femore. Anna, di anni ne ha sessanta, è nata poverissima e ha trascorso la vita in compagnia di un marito gretto e di una figlia meschina, eppure ha conservato una gioia di vivere straordinaria. In Fai piano quando torni (Longanesi), suo romanzo d’esordio, Silvia Truzzi racconta due donne, diversissime, che si incontrano per caso e che instaurano un’amicizia capace di rivoluzionare la vita di entrambe.

Valentina d’UrbanoAcquanera

valentina d'urbano acquanera

Valentina d’Urbano, autrice di romanzi come Il rumore dei tuoi passi e Isola di neve (pubblicati da Longanesi), racconta la storia di Fortuna, una donna che, dopo molti anni, torna nel suo paesino d’origine, Roccachiara. A richiamarla qui è un ritrovamento, nel profondo del bosco, che potrebbe spiegare l’improvvisa scomparsa della sua migliore amica, Luce. Acquanera (Longanesi) è il ritratto di tre generazioni di donne, tenaci, misteriose e coraggiose, ognuna a modo suo.

 

Commenti