Le Voci, nuova collana di illustrati per adulti di Kite edizioni, accosta temi attuali come lo stress nel lavoro o la diversità, a magnifiche illustrazioni di disegnatori esordienti e non. A partire dai 15 anni... - I particolari

La Kite edizioni, casa editrice attiva da dieci anni nel settore illustrato, lancia Le Voci, una nuova collana di illustrati dedicati agli adulti (a partire dai 15 anni): da quasi tre o quattro anni, infatti, la casa editrice ha constatato il crescente interesse per i titoli “ibridi” (destinati sia a bambini che ad adulti).

Nasce così l’idea di una collana di libri illustrati che coniuga temi attuali e illustrazioni realizzate da artisti esordienti e non: materiali (testuali e iconografici) che attraversano la linea di confine della letteratura per l’infanzia, unendo testi brevi e intensi a immagini inedite e forti.

Appartengono alla collana Guarda che la luce è del cielo, sul tema della diversità, di Giulia Belloni e Kaatje Vermeire, artista belga considerata un personaggio di culto nel suo paese, e Il doppio, sul tema dello stress da trooppo lavorodi Davide Calì e Claudia Palmarucci, illustratrice italiana esordiente.

 

Guarda che la luce è del cielo affronta il tema di come gestire la differenza che a volte ci separa dagli altri. Patirla, nasconderla, o trasformarla in un dono? Starà al protagonista di questa storia capire, o meglio sentire, cosa deve farne. Non può più tornare indietro né confondersi con tutti gli altri, e questo in principio lo fa soffrire. Poi però riesce a capire perchè quella differenza è stata destinata proprio a lui e che cosa ne può fare. In fin dei conti non è da tutti avere le ali, no?

Il doppio affronta, invece, il tema del lavoro che spesso assorbe completamente la nostra vita: succede agli operai di questa fabbrica, che ogni giorno perdono un pezzo della loro identità. Imprigionati nei meccanismi della produzione senza sosta, vedono le loro esistenze inaridirsi. Spesso, il tempo non basta, non bastano le energie, non basta la volontà. Allora che cosa resta?

 

Commenti