Dal 29 settembre al 9 ottobre Brescia ospita la seconda edizione di "A Bi Book", festival della lettura per la prima infanzia...

Dal 29 settembre al 9 ottobre Brescia ospita la seconda edizione di A Bi Book -Festival della lettura per la prima infanzia, appuntamento nato dalla collaborazione delle cooperative bresciane Co.Librì e Zeroventi.

Il tema scelto quest’anno è “Girotondo delle piccole cose”: i libri della primissima infanzia – all’apparenza “semplici” – sono popolati di oggetti della quotidianità che aiutano i bambini ad ampliare la conoscenza del proprio ambiente. Nelle pagine dei libri proposti, dunque, come spiega un comunicato saranno gli oggetti di tutti i giorni a prendere vita per raccontare storie ma, prima ancora, per richiamare nella mente dei piccolissimi lettori cose viste, sperimentate, conosciute e magari manipolate in prima persona. Il percorso di scoperta del libro e della lettura dalla nascita fino a 36 mesi comprende il passaggio attraverso varie fasi, caratterizzate da modi diversi di cogliere il contenuto del libro. La prima narrazione, dunque, partirà da riferimenti che il bimbo è in grado di conoscere, ovvero le piccole cose che popolano la sua vita. Una lettura che, per forza di cose in questa epoca della vita, nasce all’interno di una relazione genitore/figlio o educatore/bambino facendosi mediazione fra il mondo raffigurato sul libro e quello reale che il piccolo sta imparando a conoscere.

Prima, durante e dopo il Festival: gli appuntamenti da non perdere

Il ricco calendario di eventi (in allegato) comprende più di 50 appuntamenti distribuiti nel corso del Festival in diverse location del centro storico della città.

Alcuni eventi importanti sono stati calendarizzati nei giorni immediatamente precedenti il Festival come tappe di avvicinamento alla manifestazione.

Fra questi segnaliamo:
– evento nell’evento, domenica 25 settembre in piazza Mercato dalle 15 sarà attivo il laboratorio “Se ami il disegno vieni a The Big Draw! Festival internazionale del disegno”, promosso da Fabriano, Cartiere del gruppo Fedrigoni Spa, assessorato alla Scuola del Comune di Brescia e Lib(e)ri Libri, Rete Biblioteche Scolastiche. Una selezione dei lavori prodotti sarà poi esposta fino al 9 ottobre nel salone Piamarta di via San Faustino;


LEGGI ANCHE – La storia e il futuro dei “Libri coi buchi”: parla la Coccinella 

– la conferenza di Loredana Farina, socio fondatore e direttore editoriale fino al 1990 della casa editrice La Coccinella, la prima a pubblicare libri gioco e i libri con i buchi, e a realizzare libri di cartone per i piccoli, dal titolo: “1977, la Coccinella. Una casa editrice per bambini piccolissimi” (26 settembre alle ore 17.30 nella sede della Fondazione Santa Maria degli Angeli in Contrada delle Bassiche 36).

Durante il Festival saranno attivi laboratori, workshop e conferenze in contemporanea in diversi luoghi della città, alcuni dei quali avranno come protagonisti due ospiti d’eccezione: Sophie Fatus e Matthieu Maudet.  Sophie Fatus (illustratrice e autrice di numerosi libri per ragazzi per vari editori italiani e internazionali, nel 2007 e nel 2011 ha creato le illustrazioni per la Torre delle Favole di Lumezzane – biografia più dettagliata in allegato) sarà protagonista di due intensi giorni di lavoro durante il Festival:
– Sabato 1 ottobre (dalle 15 alle 16.30) Workshop per illustratori “Scopriamo come lavora Sophie Fatus” (su prenotazione – salone Piamarta, in via San Faustino);
– Sabato 1 ottobre (dalle 17 alle 19.30) laboratorio “Un rotolone con Sophie Fatus”, realizzazione in forma partecipata di un rotolone con disegni delle piccole cose (partecipazione libera – salone Piamarta, in via San Faustino);
– Domenica 2 ottobre (dalle 10) “Girotondo di piccole cose – i nostri disegni in piazza”. In Largo Formentone l’ospite d’onore Sophie Fatus srotolerà la propria opera e quella dei bambini insieme con l’assessore alla Scuola del Comune di Brescia Roberta Morelli.
Matthieu Maudet (giovane e brillante illustratore francese, vincitore del premio “Nati per leggere 2013” con il libro “Buongiorno Postino” edito da Babalibri – biografia più dettagliata in allegato) martedì 4 ottobre alle 20 nel salone Piamarta, in via San Faustino, terrà una conferenza aperta a tutti dal titolo “Io vado! Il piccolo contadino, Buongiorno postino…”.
– Mercoledì 5 ottobre (dalle 9.30 alle 11) Matthieu Maudet legge e disegna i suoi libri (su prenotazione, per bambini – Casa Book, chiesa di San Faustino);
– Mercoledì 5 ottobre (dalle 11.30 alle 13) atelier per illustratori con Matthieu Maudet (su prenotazione, per illustratori – Casa Book, chiesa di San Faustino);

Nel corso del Festival altri importanti appuntamenti popoleranno i luoghi scelti per la manifestazione. A partire dall’incontro con Fusako Yusaki, artista specializzata nella lavorazione ed animazione della plastilina con la quale ha realizzato cortometraggi e sigle per televisioni europee e giapponesi tra le quali anche quella per “L’albero azzurro”, che lunedì 3 ottobre sarà protagonista della conferenza dal titolo “Telepongo: animare le piccole cose per piccolissimi spettatori” (alle ore 17 in salone Piamarta, via San Faustino).

Altro appuntamento da segnalare è quello in programma mercoledì 5 ottobre alle 18 (in Libreria Rinascita in via della Posta 7) dal titolo “Libri veri, libri per tutti”. Si tratta della presentazione del libro “Che rabbia!” che inaugura la nuova collana I libri di Camilla (Collana di Albi Modificati Inclusivi per Letture Liberamente Accessibili), con Sante Bandirali (Edizioni Uovonero), Enza Crivelli (pedagogista clinica e responsabile scientifica di Uovonero) e Francesca Archinto (Babalibri). I libri di Camilla nascono per rispondere alla richiesta, in costante crescita, di libri con un testo a codice multiplo, verbale e iconografico (comunicazione aumentativa e alternativa – CAA). Per la prima volta verranno pubblicati albi illustrati di qualità dei principali editori italiani per l’infanzia tradotti nel sistema simbolico WLS. Il primo libro di Camilla sarà in libreria il 29 settembre 2016.

uovonero1
LEGGI ANCHE – La sfida di Uovonero: avvicinare alla lettura piccoli lettori con difficoltà 

Eventi continuativi

Oltre ai tanti appuntamenti (il dettaglio nel calendario in allegato), il Festival è composto anche da alcuni eventi continuativi.
Dall’1 al 9 ottobre sul sagrato della chiesa di San Faustino sarà presente anche il BIBLIOBUS del Comune di Brescia, a cura del Servizio Biblioteche del Comune di Brescia.
Dal 3 al 9 ottobre nel salone Piamarta (via San Faustino 70) sarà allestita la mostra “Sguardi d’infanzia sulle piccole cose”: si tratta di 20 disegni raffiguranti gli oggetti della vita quotidiana dei bambini provenienti da tutto il mondo selezionati fra gli oltre 7.000 della collezione PInAC. La mostra è liberamente visitabile tutti i giorni dalle 15 alle 18.30, al mattino la visita è riservata alle scuole. L’inaugurazione dell’esposizione è in programma sabato 1 ottobre alle 20.45.

A chiudere il Festival sarà la conferenza in programma sabato 15 ottobre alle ore 10.30 dal titolo “Piccolo blu e piccolo giallo e gli altri: storie di inclusione… e di esclusione”, con Donatella Lombello (studiosa senior dello Studium Patavinum, già docente di letteratura per l’infanzia e di pedagogia della biblioteca scolastica) e Roberta Morelli, assessore all’Istruzione del Comune di Brescia.

Commenti