L’idea di università

Tutti i formati dell'opera

Acquistalo

Sinossi

Dopo l’insulso travaglio di pretese riforme specializzate nell’arte del ritocco, all’università italiana serve un’idea che la scuota e ne inverta l’attuale declino, allineandola finalmente ai sistemi di istruzione superiore dei paesi più avanzati. Un’idea non meno radicale di quelle che nell’Ottocento, a partire dal grande filosofo e linguista tedesco Wilhelm von Humboldt, osarono riconfigurare il modello stesso dell’istituzione. Enrico Zanelli abbandona ogni «inutil precauzione», perché giudica che proprio un riformismo insieme velleitario ed esitante, ostaggio di baronie, viscosità burocratiche e tornaconti politici, e ancor sempre radicato in una logica statalista, sia responsabile della malauniversità. Dal grandangolo della sua lunga esperienza di insegnamento nelle università americane, vede i danni della nostra incompiuta apertura al mercato, maldestra parodia di una vera svolta imprenditoriale e privatistica. Per portarla invece a termine non c’è, secondo Zanelli, che la strada di una doppia, dirompente abolizione: dei concorsi per il personale docente – marchingegno garantista solo nella forma – e del valore legale dei titoli di studio, contro la cui «vanità» si era già scagliato un inascoltato Luigi Einaudi. A oltre sessant’anni di distanza, Zanelli ne raccoglie il testimone.

  • ISBN: 8833972755
  • Casa Editrice: Bollati Boringhieri
  • Pagine: 148

Dove trovarlo

€9,99

Recensioni

Al momento non ci sono recensioni, inserisci tu la prima!

Aggiungi la tua recensione

Citazioni

Al momento non ci sono citazioni, inserisci tu la prima!

Aggiungi citazione

Ancora alla ricerca del libro perfetto?

Compila uno o più campi e lo troverai