copertina Saggio sulla stanchezza

Saggio sulla stanchezza

Tutti i formati dell'opera

Acquistalo

Sinossi

«Un tempo conoscevo soltanto stanchezze da temere.»
«Un tempo, quando?»

Quella di cui parla Handke in questo breve scritto, a metà tra il saggio e la riflessione autobiografica, è la stanchezza del vivere che ci coglie quando il reticolo cieco delle relazioni sociali non consente più di elevare lo sguardo oltre gli angusti confini del presente. Questa stanchezza non ha i toni alti dell'epilogo drammatico di un conflitto o di una forte tensione esistenziale: è la stanchezza più sottile, e per questo più inquientante, che s'accompagna alla banalità della vita. Contagiando il lettore con la descrizione delle proprie stanchezze, Handke lo porta a riconoscersi in questa fondamentale esperienza del mondo, ma anche a comprendere che è essenziale in un processo creativo basato sulla contemplazione. Questo saggio-confessione di uno dei più disincantati «ingegneri dell'anima» del nostro tempo ci fa riflettere di un mondo bombardato dall'irrealtà: un mondo dominato e dannato dalla fretta incalzante e brutale del «mucchio dei non-stanchi», che hanno orrore della stanchezza perché «suggerisce meno quanto va fatto che quanto può essere tralasciato».


  • ISBN: 8811814553
  • Casa Editrice: Garzanti
  • Pagine: 80

Dove trovarlo

€6,99

Recensioni

Al momento non ci sono recensioni, inserisci tu la prima!

Aggiungi la tua recensione

Citazioni

Al momento non ci sono citazioni, inserisci tu la prima!

Aggiungi citazione

Eventi

Nessun evento disponibile al momento

Tutti gli eventi

Ancora alla ricerca del libro perfetto?

Compila uno o più campi e lo troverai