il libro

IL PANE SELVAGGIO

Acquista
Un viaggio nell’inferno dell’alimentazione, della fame, del corpo, della malattia nella società preindustriale: un museo degli orrori che ricostruisce sogni, allucinazioni, incubi di un’umanità miserabile e affamata.

«La fuga nei paradisi artificiali, nei mondi rovesciati, negli impossibili sogni di compensazione delle folle stracciate e affamate dei secoli moderni nasce dalla invivibilità del reale, dal basso dosaggio vitale, dalle carenze e (per contrapposto) dagli eccessi alimentari che inducono a una interpretazione sussultoria, incoerente, spasmodica della realtà»: così Piero Camporesi – con una consapevole allusione alla realtà contemporanea – introduceva all’inizio degli anni Ottanta Il pane selvaggio, tumultuoso affresco dove brulica una folla affamata, «unta», piagata, ossessionata da demoni, folletti e spettri, terrorizzata da vermi e altri sordidi «animalicula».
Dai fondamentali saggi di Piero Camporesi – attento sia all’aspetto letterario sia alla storia materiale – è emersa per la prima volta la ricostruzione di una società contadina, al limite della sopravvivenza, che viveva in uno stato di allucinazione pressoché continua. Un mondo traversato da oscuri e inquietanti segnali, dove anche il sangue e il grasso venivano universalmente accettati come rimedi dalla farmacopea di esorcisti e aromatari.
Le allucinazioni, le visioni, i deliri individuali e collettivi erano indotti dalla fame, la più diffusa delle droghe, e in generale da una alimentazione povera e sbilanciata, dove non mancavano erbe malefiche e allucinogene. Ma proprio queste ultime potevano provocare, invece delle demoniache allucinazioni, sogni non terrificanti, che domando la fame permettevano d’attingere a incontaminate riserve fantastiche: basti pensare all’oppio, regolarmente utilizzato nella panificazione e persino per tranquillizzare i lattanti. A colpire ancor oggi nell’opera di Piero Camporesi sono in primo luogo la straordinaria erudizione, l’abilità nell’interrogare fonti «minori», dimenticate o trascurate, l’attenzione alla realtà materiale. Ma ad affascinare il lettore è anche una prosa rigogliosa, palpitante, e insieme impeccabilmente precisa, che stabilisce un intenso rapporto con le citazioni utilizzate, in una sottile dialettica tra l’indagine scientifica e il suo oggetto, un passato che ritorna quasi magicamente a vivere.
Titolo
IL PANE SELVAGGIO
ISBN
9788811677116
Autore
Collana
Casa Editrice
GARZANTI
Dettagli
256 pagine, Brossura
Prezzo di questa edizione cartacea

Citazioni più amate

Non è stata inserita nessuna citazione tratta da questo libro.
Il paese della fame

Il paese della fame

P. Camporesi

Questo libro è un’analisi di alcuni grandi miti folklorici (il carnevale, la cuccagna, il sabba) nei loro rapporti…

LA TERRA E LA LUNA

LA TERRA E LA LUNA

P. Camporesi

Dai riti agrari ai fast food un viaggio nel ventre dell’Italia. Dalle campagne e dalle mense contadine alle tavole borghesi,…

Le astuzie di Bertoldo e le semplicità di Bertoldino

Le astuzie di Bertoldo e l…

P. Camporesi

Bertoldo è il saggio, Bertoldino il matto. La sapientia può generare l’insipientia perché entrambe escono dalla…

IL PANE SELVAGGIO

IL PANE SELVAGGIO

P. Camporesi

Un viaggio nell’inferno dell’alimentazione, della fame, del corpo, della malattia nella società preindustriale: un museo…

DISPONIBILE A MILANO
IN LIBRERIE ADERENTI AL SERVIZIO LIBRICITY

Il libraio per te I libri scelti in base ai tuoi interessi

Grazie alle azioni che compi sul sito saremo in grado di fornirti consigli per le tue prossime letture.

Quali sono i libri che ti emozionano?

Rimani sempre aggiornato
sulle ultime uscite dei tuoi generi preferiti.

Iscriviti alla newsletter personalizzata