Nel volume "A libro aperto. Una vita è i suoi libri" Massimo Recalcati si sofferma a riflettere sull'esperienza della lettura e su che cosa, ciascuno di noi, va a cercare tra le pagine di un libro...

Leggere un libro è, prima di tutto, un investimento di tempo: scegliamo di dedicare il nostro tempo alla lettura di un determinato libro, nella speranza di ricevere qualcosa in cambio, qualcosa che non sappiamo definire con certezza, ma che corrisponde a un certo grado di soddisfazione, la consapevolezza di aver fatto bene a cominciare a leggere. L’investimento di tempo viene fatto alla cieca: non abbiamo mai la certezza, quando sfogliamo le prime pagine, che quello sia il libro giusto, che alla fine della lettura ci farà capire che il nostro tempo è stato investito bene, solo all’ultima pagina possiamo capire se il gioco vale la candela. Ma cos’è che ci fa determinare che abbiamo fatto un buon investimento? Cosa andiamo a cercare tra le pagine dei libri?

A libro aperto. Una vita è i suoi libri Massimo Recalcati

Di questo parla, e più in generale dell’esperienza della lettura, il nuovo libro di Massimo Recalcati A libro aperto. Una vita è i suoi libri (Feltrinelli). Psicanalista e autore di diversi libri, come Il complesso di Telemaco (Feltrinelli), Le mani della madre (Feltrinelli), Paria senza padri (Minimum fax) e Il segreto del figlio. Da Edipo al figlio ritrovato (Feltrinelli), Recalcati si sofferma a riflettere sull’esperienza della lettura come incontro: se le persone che incontriamo nell’arco di una vita hanno il potere di cambiarci, la stessa cosa si può dire per la lettura.

“Chi non legge, a 70 anni avrà vissuto una sola vita: la propria. Chi legge avrà vissuto 5000 anni: c’era quando Caino uccise Abele, quando Renzo sposò Lucia, quando Leopardi ammirava l’infinito… perché la lettura è un’immortalità all’indietro”, sosteneva, a ragione, Umberto Eco. Nelle pagine di A libro aperto. Una vita è i suoi libri, Recalcati cerca di definire che cosa ci spinga a leggere, mettendo in campo le sue personali esperienze di lettura.

Commenti