Il 6 settembre un seminario promosso dall'Associazione Italiana Editori per riflettere su come le tecnologie cambiano il modo in cui ci si informa, compra e legge

Quanti ebook leggono gli acquirenti di libri? Dove e come si informano per sceglierli e dove li comprano? Quanto pesano le insegne dell’ecommerce del libro fisico e digitale? O l’usato e le fotocopie? E gli audiolibri – e più in generale l’”ascolto” – che peso hanno nell’accesso ai contenuti? La presenza di tecnologie a casa e di quelle “mobili” e “portate sempre con sé”, come stanno cambiano i modi e i tempi per leggere, informarsi, comprare? E di conseguenza, come cambiano i criteri di misurazione della lettura?

Per rispondere a queste e ad altre domande, mercoledì 6 settembre 2017, dalle 10.30 alle 16.30, l’Associazione Italiana Editori organizza un seminario a pagamento – gratuito per il primo partecipante se il richiedente è socio Aie – in cui verranno presentati e discussi i risultati della prima rilevazione (marzo 2017) dell’Osservatorio della lettura e dei consumi culturali, promosso da Aie in collaborazione con Tempo di Libri e realizzato da Pepe Research (nel costo di partecipazione sono comprese le slide di presentazione della ricerca).

Un’indagine che non vuole modificare la posizione dell’Italia nel ranking europeo della lettura, ma far riflettere su come le tecnologie cambiano profondamente il modo in cui ci si informa, compra e legge, e incidono quindi anche sullo sviluppo dei prodotti editoriali.

Commenti