"29 secondi" di T.M. Logan (già autore del thriller psicologico "Bugie") ha come protagonista una giovane donna costretta a sopportare le molestie del suo capo, un uomo potente che può agire impunemente, avendo il controllo delle carriere lavorative di chi gli è intorno...

Dopo il successo in Inghilterra di Bugie, il giornalista del Daily Mail T.M. Logan torna in libreria con un nuovo thriller psicologico, 29 secondi (La Corte Editore, con la traduzione di Federico Ghirardi). Si tratta di una storia che si inserisce nella discussione attuale sulle donne vittime di molestie nel mondo del lavoro. La protagonista del romanzo è Sarah, giovane ricercatrice, con due figli da crescere e costretta a sopportare le molestie del suo capo, un uomo potente che può agire impunemente, avendo il controllo delle carriere di chi gli è intorno.

Cover 29 secondi

Sarah vive ormai da anni questa insostenibile situazione che la vede vittima delle molestie del suo capo, che tratta le donne come oggetti. Quando un giorno salva una bambina in difficoltà, non si aspetta niente in cambio. Ma il suo gesto coraggioso fa sì che un uomo, tanto potente quanto pericoloso, si senta in debito con lei. L’uomo vive in modo brutale e, nel suo particolare codice, tutti i debiti devono essere saldati.

Sarah potrebbe avere così una via d’uscita, un modo per liberarsi in un attimo di tutti i suoi problemi e avere finalmente la vita che merita. Ci sono solo tre condizioni: ha 72 ore per fornire un nome. Se rifiuta, l’offerta svanisce. E se accetta, non può più tirarsi indietro. È un patto irripetibile, un’offerta di quelle che capitano una volta sola. Nessuna conseguenza, nessun rischio di essere collegati, nessuna possibilità di essere scoperti. Non deve fare altro che una telefonata. Da 29 secondi…

 

Commenti