A Segrate e in via Rizzoli si sono svolti gli attesi Cda. Ecco le dichiarazioni di Ernesto Mauri e Pietro Scott Jovane a proposito della probabile acquisizione di Rcs Libri da parte di Mondadori, mentre è in corso la due diligence...

Il 23 aprile non è solo la Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore. Oggi, in particolare, nel mondo del libro (in festa per #ioleggoperché) c’era molta attesa per il Cda di Rcs e per quello di Mondadori.

Partiamo da Segrate, dove l’Amministratore Delegato di Mondadori Ernesto Mauri ha risposto così alle domande sulla sempre più probabile acquisizione di Rcs Libri: “Se dalla due diligence in corso non emergeranno elementi imponderabili, faremo sicuramente l’offerta entro il termine ultimo del 29 maggio… ma se finisse prima sarebbe meglio”. Per la cronaca, l’assemblea dei soci di Mondadori Spa ha approvato il bilancio 2014 del gruppo, ed è stato inoltre rinnovato il Consiglio d’Amministrazione della società.

Dal Cda di Mondadori a quello di Rcs. Come riporta il sito di Prima Comunicazione, sulla vendita di Rcs Libri l’AD Pietro Scott Jovane in conferenza stampa ha spiegato che non ci sono aggiornamenti di rilievo rispetto alle comunicazioni fatte al mercato. Dopo la prima fase di due diligence da parte di Mondadori, quindi, il Cda Rcs valuterà se passare alla seconda fase. A Scott Jovane è stato anche chiesto dell’esistenza di eventuali clausole di uscita per le editrici controllate come Marsilio e Adelphi. Il manager ha risposto di “non ricordare”…

LEGGI ANCHE:

Se proprio Berlusconi “investe” nei libri… L’analisi sulla possibile acquisizione di Rcs Libri da parte di Mondadori

 

Commenti