Al centro della protesta online, le condizioni dei lavoratori del colosso dell'e-commerce. E il tema delle tasse...

Amazon, il colosso dell’e-commerce, finisce ancora al centro delle polemiche. Questa volta in Inghilterra, dove è stata lanciata una campagna di boicottaggio nel mese che porta al Natale, dunque uno dei periodi dell’anno più redditizi per il portale di Jeff Bezos. Alla Amazon free challenge, come racconta il Guardian, hanno già aderito oltre 11mila persone, e (se si passasse dai propositi ai fatti) Amazon potrebbe arrivare a perdere più di 2 milioni e mezzo di sterline.

Ma perché questa protesta? I promotori se la prendono con l’azienda per le condizioni di lavoro degli operai e per il loro salario. Non solo: al centro c’è anche il discusso tema delle tasse pagate dal portale di e-commerce in Europa.

Commenti