Il commento/ Ci sono titoli che semplicemente non si prestano a originare un corto circuito grafico. Come in questo caso, a suo modo "memorabile"... - #copertine

Non tutte le copertine parlano, e non tutte devono parlare: ci sono titoli che semplicemente non si prestano a originare un corto circuito grafico. Quando il titolo ha questo potenziale e l’art director lo coglie il risultato può essere memorabile, come quello di un ideogramma in caratteri latini. E’ il caso di un libro inglese di prossima uscita, il racconto della lotta contro la depressione condotta sin dalla giovinezza dallo scrittore Matt Haig.

haig

Il titolo (Reasons to Stay Alive, Ragioni per restare vivi) apre uno spiraglio di speranza, e il flusso del testo rappresenta mirabilmente questo percorso, facendo culminare l’austero type nero su fondo bianco in un motivo grafico a colori. Offrendoci un’ottima ragione per leggere il libro, o almeno per prenderlo fra le mani.

LEGGI ANCHE:

L’illustratore italiano che ha colpito l’editoria americana

Il “rosa Salani” e le storiche copertine, un viaggio vintage – Immagini

L’incontro felice tra Guanda e il disegnatore di poche parole

Le poetiche illustrazioni di Silverini per i romanzi di Ian McEwan

Copertine uguali: gli editori ci sono o ci fanno?

Come si sceglie la copertina di un classico, ad esempio Moby Dick?

Penguin, le copertine d’autore di 9 classici della saggistica

 

Commenti