Nasce Taut Editori (nome scelto in omaggio ai visionari fratelli architetti) e debutta con un volume collettivo, internazionale: l'antologia "Planetaria - 27 poeti del mondo nati dopo il 1985". La casa editrice (che si occuperà anche di narrativa e saggistica) punta a "indagare le nuove voci inserendole in un contesto storicizzato" - I particolari sul progetto

Nasce Taut Editori (nome scelto in omaggio ai visionari fratelli architetti) e debutta con un volume collettivo, internazionale: l’antologia Planetaria – 27 poeti del mondo nati dopo il 1985, a cura di Massimo Dagnino e Alberto Pellegatta. Un segnale di apertura verso le nuove generazioni, dunque, per un nuovo marchio editoriale che punta a “indagare le nuove voci inserendole in un contesto storicizzato”.

Dietro la neonata casa editrice (che si definisce un “cantiere letterario”) c’è un comitato scientifico composto da poeti, scrittori e filosofi, tra cui Carlo Sini e Jack Underwood, (inglese del 1986) pubblicato da Faber&Faber.

taut

Come si spiega nella presentazione del progetto, “le uscite dei giovani autori saranno affiancate da volumi di maestri contemporanei o del passato, per sostenere un’idea di letteratura come cammino collettivo”. Si parte con la poesia, per poi aprire a narrativa e saggistica. Taut proporrà anche un laboratorio online, Doppia esposizione, che si occuperà di “scannerizzare le uscite più interessanti e di proporre anche online nuove voci e approfondimenti”.

E veniamo all’antologia (con testo a fronte) scelta per il debutto del progetto, che sarà presentata a Milano sabato 15 febbraio alle ore 17 allo Studio d’Arte del Lauro (Via Mosè Bianchi, 60 Milano). I 27 poeti, introdotti da una scheda bio-critica a cura di poeti come David Keplinger, Jack Underwood e Erika Martinez, sono stati selezionati con il proposito di “offrire un taglio particolare rispetto alla situazione della poesia e al suo continuo e sotterraneo movimento”. Il campo di azione su cui operano questi giovani poeti “è quello stilistico: conseguire una riconoscibilità lavorando alla struttura dei testi, evitando i modelli standard”.

planetaria taut

Queste le autrici e gli autori invitati: Cristian Alcaraz (Malaga, Spagna 1990); Dina Basso (Scordia Sicilia 1988); Alessandro Biddau (Genova 1995); Simone Burratti (Narni, Terni 1990); Riccardo Canaletti (Macerata 1998); Lorenzo Cianchi (Certaldo, Firenze 1985); Davide Cortese (Genova 1994); Augusto Ficele (Terlizzi, Bari 1992); Ella Frears (Truro, UK 1991); Gabriele Galloni (Roma 1995); Mario Gennatiempo (Cinquefrondi, Reggio Calabria 2001); Federica Gullotta (Faenza 1991); Michele Lazazzera (Pisticci, Matera 1995); David Leo (Malaga, Spagna 1988); Aleksandr Malinin (Joškar-Ola, Russia 1991); Diego Marcon (Busto Arsizio 1985); Gerardo Masuccio (Battipaglia, Salerno 1991); Antonio Merola (Roma 1994); Manuel Micaletto (Sanremo 1990); Luca Minola (Bergamo 1985); Iacopo Pesenti (Milano 1990); Adalber Salas Hernández (Caracas, Venezuela 1987); Monica Sok (Lancaster, Pennsylvania USA 1990); Tomás Sottomayor (Porto, Portogallo 1994); Sara Torres (Gijon, Spagna 1991); Francesco Maria Tipaldi (Nocera Inferiore 1986); Riccardo Zippo (Gagliano del Capo, Lecce 1992).

Commenti