Valérie Tong Cuong, torna con “Per amore”, una saga familiare che racconta quegli aspetti della guerra che non vengono resi pubblici, perché non riguardano nazioni e continenti

Quando, durante la Seconda guerra mondiale, la cittadina di Le Havre viene sfollata, a Émélie e Muguette non resta che lasciare tutto e rifugiarsi altrove con i bambini, mentre i loro uomini sono al fronte.

I nazisti hanno occupato la Normandia e gli inglesi decidono di bombardare, senza pensare alle conseguenze che la popolazione dovrà subire. Al loro ritorno a Le Havre le due donne trovano una società affamata e ferita, divisa tra collaborazionisti e ribelli, in cui scegliere da che parte stare può significare scegliere tra la vita e la morte.

Tong Cuong - Per amore

Valérie Tong Cuong, autrice nata in una banlieue parigina che ha preso il cognome vietnamita del marito, scrive Per amore (pubblicato in Italia da Salani, con la traduzione di Lucia Visonà), un romanzo corale, una saga familiare che racconta quegli aspetti della guerra che non vengono resi pubblici perché non riguardano nazioni e continenti.

Cuong, già autrice di L’atelier dei miracoli (Salani) e Quando mi dicevi che ero il sole (TEA), attraverso la voce di Lucie bambina, mentre si preoccupa di dove finirà il gatto, quella di Muguette, tragica e resistente, quella di Jeoffre, il cui cuore è rimasto intatto sotto le macerie, quella di Émélie e di Anton, scavando tra finzione letteraria e testimonianza storica, racconta dove si nasconde l’amore in tempo di guerra.

Commenti