La giuria del Premio Letterario Costa Smeralda, promosso dal Consorzio Costa Smeralda, ha selezionato la rosa dei finalisti per le tre sezioni: Narrativa, Saggistica e Innovazione Blu

La giuria del Premio Letterario Costa Smeralda, promosso dal Consorzio Costa Smeralda, ha selezionato la rosa dei finalisti per le tre sezioni: Narrativa, Saggistica e Innovazione Blu.

– NARRATIVA: Il Mare dove non si tocca di Fabio Genovesi (Mondadori), Rais di Simone Perotti (Frassinelli), Luce dell’impero di Marco Buticchi (Longanesi).
– SAGGISTICA: Oceani di Sandro Carniel (Hoepli), L’ignoto davanti a noi di Alessandro Vanoli (Il Mulino) e Mare di Plastica di Franco Borgogno (Nutrimenti).
– INNOVAZIONE BLU: ISWEC, progetto del Politecnico di Torino con ENEA, Nemo’s Garden di Ocean Reef Group e LABO Algues di Luma Foundation.
– PREMIO SPECIALE: conferito dal pubblico presente al prescelto tra i premiati delle tre sezioni.

Come spiega il comunicato, i vincitori delle singole categorie del premio saranno resi noti il 12 aprile e premiati a Porto Cervo il prossimo 28 aprile. L’evento si aprirà con Sergio Bambarén, scrittore e ambientalista, vicepresidente di Mundo Azul, che incontrerà il pubblico al Cervo Tennis Club. Una menzione speciale sarà riconosciuta a Rosalba Giugni, presidente di Marevivo, per la sua trentennale attività in difesa dell’ambiente. Infine, alla presenza del figlio Brando, un omaggio a Folco Quilici. Infine il concorso letterario “Un mare da leggere” a supporto del progetto “Adotta una spiaggia”, che coinvolge gli studenti delle scuole secondarie di primo grado. Lo studente-vincitore riceverà una menzione speciale durante la cerimonia di premiazione.

“Ringrazio di cuore i giurati per la professionalità e generosità con cui si sono letteralmente immersi in una trentina di libri eterogenei inviateci da decine di case editrici. Numeri interessanti per un premio appena nato e con un obiettivo e un taglio così preciso”, commenta Beatrice Luzzi, Direttrice artistica del Premio: “Uno sforzo ulteriore è stato poi richiesto dalla sezione Innovazione Blu. Si sono dovuti approfondire e valutare numerosi progetti – provenienti da start up, aziende private, enti pubblici – che testimoniano la vivacità della ricerca e l’attenzione rivolta ai temi di sostenibilità ed energia blu e che meritano di essere valorizzati e promossi, a conferma dell’intento principale del premio: promuovere una più consapevole cultura del mare e diffondere pratiche innovative per viverlo e rispettarlo”.

Commenti