Nel giorno in cui è arrivato l'atteso verdetto dell'Antitrust sull'acquisizione di Rcs Libri da parte di Mondadori, Einaudi ha annunciato che quest'anno non sarà al premio Strega... - I nomi in gara e i retroscena

Nel giorno in cui è arrivato l’atteso verdetto dell’Antitrust sull’acquisizione di Rcs Libri da parte di Mondadori, Einaudi ha annunciato che quest’anno non sarà al premio Strega. Scelta che, supponiamo, non è dispiaciuta alla Fondazione Bellonci (Einaudi ha vinto le ultime due edizioni, con Nicola Lagioia e Francesco Piccolo).

Dopo il no polemico di Feltrinelli, arriva dunque anche quello di via Biancamano. La motivazione ufficiale, però, è diversa: “Quest’anno abbiamo deciso di non partecipare e di prepararci per bene in vista del l’anno prossimo. Ci piace partecipare e ci piace vincere”. Niente candidatura, dunque, per Franco Cordelli.

Con chi si presenterà, dunque, il nuovo “colosso”? Rizzoli ci sarà con Edoardo Albinati, mentre, come abbiamo scritto, la Mondadori sta ancora valutando: si fanno sempre i nomi di Emanuele Tonon, Eraldo Affinati, Carmine Abate e Antonio Monda. Ci sarà di sicuro Frassinelli, con La figlia sbagliata di Raffaella Romagnolo.

E veniamo agli altri gruppi: Garzanti punta forte su Vittorio SermontiGiunti su Antonio Moresco. In gara anche Skira con Quando Roma era un paradiso di Stefano Malatesta e Marsilio con Non adesso, per favore di Annalisa De Simone. minimum fax dovrebbe esserci con Giordano Meacci, Tunué con Luciano Funetta e Fandango con Flavia Piccinni. Certe le candidature di Rossana Campo (Ponte alle Grazie), Elena Stancanelli (La Nave di Teseo), Demetrio Paolin (Voland), Valentino Zeichen (Fazi), Luigi De Pascalis (La Lepre edizioni), Amy Pollicino (Edizioni Anordest), Gordiano Lupi (Historica edizioni) e Alessandra Altamura (Il Foglio Edizioni).

Le candidature si chiudono l’1 aprile, mentre il 14 aprile si conosceranno i 12 semi-finalisti. Quest’anno, come abbiamo scritto, la finalissima di inizio luglio a Roma non si terrà al Ninfeo di Villa Giulia, ma all’Auditorium Parco della Musica.

Commenti