Jill Santopolo è in libreria con "Il giorno che aspettiamo", un romanzo che narra la storia d'amore di due giovani che si incontrano e si innamorano l'11 settembre 2001... L'autrice su ilLibraio.it riflette proprio sul tema dei primi amori

Da quando ho scritto Il giorno che aspettiamo (Nord, ndr), in cui racconto la storia di Lucy e del suo primo amore, Gabriel, mi chiedono spesso del mio primo amore e di cosa renda quel legame così potente.

Ricordo di aver avuto diverse cotte da ragazzina: in quarta elementare per il mio vicino, un ragazzino dai capelli rossi che mi accompagnava a casa dopo la scuola; in prima media per il ragazzo rasato seduto davanti a me a lezione di matematica, che mi ha regalato i cioccolatini per San Valentino; in prima liceo per il ragazzo che impaginava il giornale della scuola, che mi ha portato a vedere Romeo + Giulietta di Buz Luhrmann, il mio primo vero appuntamento.

Eppure tutti loro svaniscono al confronto col primo uomo di cui mi sono innamorata, al college.

Era intelligente, simpatico, generoso, premuroso. Per la prima volta, mi sono sentita come se qualcuno mi vedesse per ciò che ero veramente, mi apprezzasse e mi adorasse per i miei pensieri, i miei sogni e i miei desideri. E io provavo lo stesso per lui. Ci capivamo come non mi era mai successo con nessuno prima, e mi si è aperto un mondo. Ho scoperto che esisteva un modo di esistere completamente diverso. E ho capito perché così tanti libri, film, poesie e canzoni parlano d’amore.

Lui e io non siamo rimasti insieme, ma lui mi ha cambiato per sempre. Ed è per questo che il primo amore è così potente: perché ti cambia, cambia il modo in cui vedi te stesso e gli altri. Ed è per questo che, nel mio libro, Gabe ha un ruolo così importante nella vita di Lucy e viceversa. Lucy e Gabe si sono cambiati a vicenda, si sono aperti un mondo a vicenda, e nessuno dei due riesce a dimenticarlo. Se avrete l’occasione di leggere Il giorno che aspettiamo, spero che apprezzerete la descrizione dell’amore tra Lucy e Gabe, e che – magari – vi faccia ripensare al vostro primo amore e a come quella persona ha cambiato il vostro mondo.

L’AUTRICE E IL LIBROJill Santopolo, laureata in letteratura inglese presso la Columbia University, è la direttrice editoriale della Philomel Books e Il giorno che aspettiamo (Nord) segna il suo esordio cime autrice di narrativa. Il giorno che aspettiamo narra la storia di Gabe e Lucy, che si conoscono e si innamorano all’Università, a New York, in una luminosa giornata di fine estate, l’11 settembre 2001. Mentre l’ombra della paura scende sulla città, i loro destini si legano indissolubilmente; neanche la scelta di Gabe, di partire per l’Iraq come fotografo di guerra, potrà recidere quel legame, anche se cambierà per sempre il loro rapporto, lasciando una ferita nel cuore di Lucy. Eppure, quando tredici anni dopo riceverà la telefonata, Lucy sentirà il bisogno di rivivere con Gabe la loro storia, dai primi mesi di intensa passione all’addio prima della partenza, fino all’ultimo segreto che non aveva mai svelato.

Commenti