Torna #unafotounlibro, la rubrica di Elisabetta Migliavada. Questa volta il protagonista è un fiorista londinese con l'aria da pirata, che potrebbe essere il protagonista perfetto per un romanzo...

Confesso che quando ho scattato questa foto ho avuto un po’ paura. Se osservate bene l’espressione del signore ritratto, noterete che non è molto contento di essere immortalato. In questi casi, però, quando te ne accorgi, hai già la macchina in posizione e il dito sul pulsante di scatto: è troppo tardi per cambiare idea.

Ma facciamo un salto inidetro. Ho scattato questa foto a Londra, al Columbia Road flower market. Ci sono capitata davvero per caso, o anzi la verità è che ci sono capitata perdendomi. Era domenica e per la prima volta visitavo Brick Lane. Non trovavo la metropolitana e a un certo punto sono sbucata in una strada piena di fiori coloratissimi e di gente di ogni età e provenienza. Dopo qualche passo, l’occhio mi è caduto sul banchetto che ho fotografato e sul suo proprietario. Ma, dite la verità, a voi sembra che quest’uomo abbia forse l’aspetto di un fiorista? È per caso così che ve lo immaginate voi un fiorista? Io no. Voglio dire: se non fosse per i fiori e forse per la camicia intonata, per me quest’uomo con tre anelli al dito e catenazzo ha più l’aria da pirata. Di quelli un po’ cattivi. Eppure è un personaggio irresistibile. Non trovate che potrebbe essere il protagonista perfetto per un romanzo? Per me sì, perchè è strano, diverso, originale. Non voglio dire che tutti i personaggi dei libri debbano essere per forza strambi, ma di solito funzionano di più quelli che rappresentano uno ‘scarto’ rispetto alla norma, una rivoluzione rispetto ai canoni tradizionali e all’ambiente in cui agiscono.

Ad esempio Argentina e Arianna, le protagoniste di Ogni giorno come fosse bambina (Garzanti) di Michela Tilli, sono entrambe fuori dagli schemi. Argentina che ha ottant’anni eppure ama come fosse una ragazzina. E Arianna che ha sedici anni e, al contrario di molti suoi coetanei, passa le giornate a leggere libri mattina e sera e nessuno la riesce a fermare…

ps. Per la cronaca, dopo che ho scattato mi sono messa a correre perché il signore dei fiori in questione si è alzato e mi è venuto vicino urlandomi diverse imprecazioni in inglese…

La foto scattata da Elisabetta Migliavada
La foto scattata da Elisabetta Migliavada

*L’autrice è direttrice della narrativa Garzanti

LEGGI ANCHE:

Quel legame speciale tra la passione per la fotografia e la scelta delle copertine

Fotografare? Come scegliere di pubblicare un romanzo…

Tra le luci di Manhattan si nascondono gioielli segreti… #unafotounlibro

Commenti