Valerio Maria Fiori e Marco Amato sono tra i finalisti del torneo letterario gratuito IoScrittore con "Quelle del Quarantanove", un omaggio alle donne protagoniste del Risorgimento e dimenticate dalla Storia ufficiale, grazie al personaggio di Vincenzina Diotaiuti...

Valerio Maria Fiori e Marco Amato sono tra i finalisti del torneo letterario gratuito IoScrittore (promosso dal Gruppo editoriale Mauri Spagnol) con Quelle del Quarantanove, un omaggio alle donne protagoniste del Risorgimento e dimenticate dalla Storia ufficiale, grazie al personaggio di Vincenza Diotaiuti.

quelle del quarantanove amato fiori ioscrittore

“La guerra è una cosa brutta perché l’hanno inventata l’omini. E a noi donne ci tocca sempre rimediare alle coglionerie che fanno loro”. Siamo a Roma nel 1849 e Vincenza Diotaiuti, nome che le hanno dato le suore dell’orfanotrofio in cui è cresciuta, fa la prostituta in una via del centro, ed è chiamata dagli ‘amici’ Cencia. Dopo una breve incarcerazione, però, torna nella sua Roma e la trova diversa, confusa, turbolenta. Sarà Peppe, il suo protettore, a spiegarle cosa è successo: un tale Mazzini è arrivato a Roma e ha instaurato la repubblica, la città è in subbuglio, addirittura è scappato il Papa. E nel clima euforico, Cencia incontra una donna, affascinante e colta: si chiama Cristina Trivulzio di Belgioioso ed è una principessa. Tra le due nasce un legame particolare, e grazie al lavoro in ospedale che Cristina le offre, Cencia incontra un giovane soldato, che sembra essere legato alla principessa. Con una voce semplice, pura e spigliata, sarà proprio Cencia a raccontare la sua storia, a omaggiare le donne del Risorgimento.

Valerio Maria Fiori è nato nel 1963 a Camerino (MC), ma vive a Roma. È copywriter, sceneggiatore e autore. Marco Amato, coscritto e romano, ha lavorato come sceneggiatore, ha pubblicato Una bomba al Cantagiro (Edizioni Piemme) e insegna in una scuola media.

Commenti