Il 31enne blogger saudita è stato condannato a 10 anni di carcere, a 1000 frustate e una multa molto salata. Ora un libro (in uscita il 17 settembre) raccoglie i suoi testi, che rivelano le radici culturali dell’estremismo islamico

Arriva in libreria (dal 17 settembre) per Chiarelettere 1000 frustate per la libertà di Raif Badawi (a cura di Costantin Schreiber, con un contributo di Ensaf Haidar, moglie di Badawi; un intervento di Riccardo Noury, il portavoce per l’Italia di Amnesty International, e una postfazione di Farian Sabahi, saggista e giornalista).

chiarelettere

Raif Badawi, che nel 2008 ha dato vita a un forum online intitolato “I liberali sauditi”, sul rapporto tra politica e religione nel suo paese, ha scritto i suoi testi in un momento cruciale, mentre in Siria e in Iraq gli islamici radicali cercano con le bombe di riportare la regione a un’oscura preistoria. “Gli Stati legittimati dalla religione tengono rinchiusi i loro popoli nel cerchio angusto della fede e della paura”, scrive il blogger saudita condannato a dieci anni di carcere, a mille frustate e una multa molto salata (circa 240.000 euro). Il prezzo del coraggio e della libertà è alto, ma lui è un esempio per tutti e non intende mollare.

In questo libro sono raccolti i testi che lo hanno condannato e che rivelano le radici culturali dell’estremismo islamico, che affondano nel potere arretrato e liberticida esercitato anche in Arabia Saudita, fedele alleato degli occidentali da cui acquista una grande quantità di armi per reprimere ogni possibile dissenso. E i cui rappresentanti governativi hanno sfilato a Parigi in difesa della libertà di parola dopo l’attentato a Charlie Hebdo.

Un tragico paradosso. Badawi, classe ’84, parla di Califfato, del terrore e della pace, della Primavera araba, dell’11 settembre, dell’assoggettamento della donna, del rapporto con gli occidentali (“Abbiamo gli stessi diritti e gli stessi doveri”), del terrorismo. E della libertà, il valore che dovrebbe unire tutti i popoli della terra. Un monito che colpisce per coraggio e intelligenza.

Commenti