"Ho riscoperto e valorizzato il libro come forma di comunicazione, espressione verbale e di congiunzione tra popoli e culture...". La storia di Fabio Minonzio, rapper-libraio

Fabio Minonzio, lecchese classe 1988, nella “scena” musicale è conosciuto come Blan1, rapper che, da anni, coltiva la passione per le rime. Quando scende dal palco non abbandona mai le parole, scritte e pronunciate, infatti gestisce, a Lecco, la libreria indipendente “Polyhistor Parole Nel Tempo”.

A ilLibraio.it racconta che l’idea di aprire una libreria venne a suo padre, come attività integrativa della casa editrice di famiglia, Polyhistor Edizioni. “Sia per promuovere la cultura nel lecchese, che è giusto tenere viva, sia per far incontrare diversi mondi, musica compresa… A ognuno il suo terreno, stando sempre attenti a tutto quello che rappresentano narrazione e comunicazione“.

Libreria “Polyhistor Parole Nel Tempo”. Fonte immagine: Facebook
Le parole sono vitali, prosegue Fabio: sin da piccolo ho letto abbastanza poco, ma da un po’ di tempo ho riscoperto e valorizzato il libro come forma di comunicazione ed espressione verbale, oltre che di congiunzione tra popoli e culture; inoltre, visto il mestiere che svolgo, sono consapevole di quanto sia importante leggere e informarsi”.
Quanto al rap, “il linguaggio è importantissimo; se non lo fosse stato avrei fatto altro”.
Rispetto al futuro delle librerie indipendenti, il rapper-libraio non è pessimista: “In tutta onestà, credo sia più difficile vendere un cd musicale o un dvd che un libro. Fortunatamente abbiamo tanti clienti affezionati. Ce la stiamo mettendo tutta per far crescere questa realtà, e in libreria organizziamo presentazioni con scrittori, conferenze e, prossimamente, in-store musicali e mostre di fotografia”.
Spazio conferenze. Fonte immagine: Facebook

LEGGI ANCHE:

Libreria Volante Lecco

Storia di una scommessa vinta: aprire una libreria (“Volante”) in meno di tre mesi


In Campania apre una libreria dove non ce n’era una da 10 anni – La storia


Nella provincia pugliese una libreria cerca di costruire una vera “comunità di lettori”

cope art welsh

La ricetta di Welsh per le librerie indipendenti: “Diventino centri culturali”

 

Commenti