Armati di bussola e con il naso all’insù, da bravi sognatori testardi, impariamo dalle nuvole la capacità di sentirci liberi di andare e di oltrepassare la linea dei nostri orizzonti, la costanza necessaria a portare avanti i nostri sogni...

“Ogni volta che nella storia è stato aperto un nuovo cammino, lo si è fatto seguendo qualcosa: una stella, un vento, una mappa, una corrente o addirittura un sogno. In questo viaggio tutto particolare, invece, seguiremo loro. Le nuvole..”.

Nel suo nuovo libro, La rotta delle nuvole – Piccole bussole per sognatori testardi (Ediciclo – collana Piccola filosofia di viaggio), Peppe Millanta ci porta con sé lungo la rotta evanescente delle nuvole. Armati di bussola e con il naso all’insù, da bravi sognatori testardi, impariamo dalle nuvole la capacità di sentirci liberi di andare e di oltrepassare la linea dei nostri orizzonti, la costanza necessaria a portare avanti i nostri sogni, l’esercizio del distacco o la forza della creatività, essenziale nell’allestire il paesaggio della nostra immaginazione.

Peppe Millanta

Peppe Millanta non è il vero nome dell’autore, che è un inventastorie incallito e impenitente. Dopo alcuni anni come musicista di strada in un gruppo di World Music (Peppe Millanta & Balkan Bistrò), si è diplomato all’Accademia d’Arte Drammatica Silvio d’Amico di Roma in drammaturgia e sceneggiatura. Ha scritto e messo in scena numerose opere teatrali e da alcuni anni si dedica alla scrittura di sceneggiature per il cinema e per prodotti televisivi. Nel 2018 ha esordito con il romanzo Vinpeel degli orizzonti (neo.), piccolo caso editoriale con il quale ha vinto numerosi premi nazionali, tra cui il Premio John Fante (2018), il Premio Alda Merini (2018), il Premio Città di Como (2019), oltre a essere stato candidato al Premio Strega Ragazze e Ragazzi (2018) e selezionato per il Premio Campiello Opera Prima (2018). Nel 2017 ha fondato la Scuola Macondo – l’Officina delle Storie, scuola di scrittura e di lettura dedicata alle arti narrative che opera in varie parti d’Italia.

 

Commenti