Arriva su laeffe la serie tratta da "Capitale - Pepys Road", il bestseller di John Lanchester

Una strada londinese trasformata dal boom dei prezzi immobiliari, un microcosmo fatto di etnie e ceti sociali diversi e una misteriosa cartolina con un messaggio anonimo e inquietante: “Vogliamo quello che avete voi”, recapitata a tutti i numeri civici dell’esclusiva Pepys Road, spezzandone la monotonia e la quotidianità.

Arriva in tv su laeffe (Sky, canale 139), da martedì 24 gennaio alle 21.10, Capital – Mistero a Pepys Road, la miniserie tratta dal romanzo Capitale – Pepys Road (Oscar Mondadori, 2014) del giornalista e scrittore inglese John Lanchester, andata in onda su BBC e premiata come Miglior miniserie o film per la tv agli International Emmy Awards 2016.

Adattata per il piccolo schermo dal premio BAFTA Peter Bowker, diretta da Euros Lyn, è interpretata da Toby Jones, Gemma Jones, Adeel Akhtar, Rachael Stirling e Lesley Sharp.


LEGGI ANCHE – Le serie tv tratte dai libri che vedremo nel 2017 

Attraverso il pretesto narrativo della misteriosa cartolina, la serie racconta con ironia e senza pregiudizi una comunità eterogenea ma interconnessa, dove convivono persone diverse, e tuttavia accomunate dalle stesse paure, inquietudini e fragilità che caratterizzano l’esistenza contemporanea: il finanziere Roger (Toby Jones) che spera nel bonus annuale da un milione di sterline per poter mantenere le spese folli dell’annoiata moglie Arabella (Rachael Stirling); l’anziana vedova Petunia (Gemma Jones), l’unica rimasta dei vecchi abitanti di Pepys Road, un tempo quartiere per piccolo-borghesi, oggi meta ambita da giovani famiglie agiate; e ancora sua figlia Mary (Lesley Sharp) che vorrebbe convincerla a vendere la sua casa ormai milionaria; la famiglia Kamal, divisa tra l’appartenenza alle tradizioni musulmane e l’adesione allo stile di vita occidentale; l’ausiliare del traffico Quentina originaria dello Zimbabwe; la tata ungherese Matya; il manovale polacco chiamato da tutti Bogdan (perché il suo vero nome è troppo difficile da pronunciare), che lavora nelle case in continua ristrutturazione dei ricchi, mai abbastanza grandi, mai abbastanza sfarzose, per i loro proprietari.
 
Sullo sfondo di questo affresco sociale, la crisi economica che di lì a poco avrebbe cambiato le vite non solo degli abitanti di Pepys Road ma di tutto il mondo occidentale.  La serie è inserita nel ciclo di laeffe “Dal libro alla TV”, “che porta sul piccolo schermo alcuni tra i migliori adattamenti televisivi internazionali di opere letterarie”.

Commenti