Sembra incredibile eppure l’economia e la finanza, che a moltissimi appaiono materie ostiche e fredde, possono diventare avvincenti come un romanzo d’avventura, appassionanti come un buon film...

Sembra incredibile eppure l’economia e la finanza, che a moltissimi appaiono materie ostiche e fredde, possono diventare avvincenti come un romanzo d’avventura, appassionanti come un buon film. Lo dimostra il saggio di Leonardo Martinelli “Quasi un romanzo – L’economia raccontata a chi non la capisce (Longanesi). Prendendo spunto da un suo fortunato programma per Radio3, l’autore riesce infatti nell’impresa di umanizzare l’economia e la finanza, spiegandone i concetti chiave grazie a esempi tratti dalla letteratura e dal cinema.
Martinelli fornisce i chiarimenti necessari per poter finalmente capire cosa siano lo spread, i subprime, il default, le agenzie di rating e molto altro ancora: sarà  Il falò delle vanità di Tom Wolfe a parlarci di bond o di obbligazioni e Bel-Ami di Maupassant di insider traning e aggiotaggio. Il film disneyano Mary Poppins ci introdurrà nel mondo delle unioni bancarie mentre Wall Street di Oliver Stone nell’universo della Borsa con le sue derive…

Commenti