Il romanzo di Marco Patrone è ispirato alla storia incredibilmente vera di Carlos "Kaiser" Henrique Raposo, calciatore che per vent'anni si è preso gioco dei club brasiliani ed europei

Il romanzo Kaiser (Arkadia Editore, collana di narrativa Eclypse), firmato da Marco Patrone, che cura il blog letteraro Recensire il mondo, è ispirato alla storia incredibilmente vera di Carlos “Kaiser” Henrique Raposo, calciatore che per vent’anni si è preso gioco dei club brasiliani ed europei, soprannominato così a causa della somiglianza con Franz Beckenbauer.

Nato privo di talento in un Brasile dove di talenti ne sbocciano invece in continuazione, Carlos “Kaiser” Henrique non si rassegna alla mediocrità di un lavoro normale e, forte del suo sorriso, della sua faccia tosta e dei tempi nei quali non esistevano internet e il giro incessante e pervasivo delle informazioni, inganna. Lo fa per vent’anni, facendosi ingaggiare dalle squadre più gloriose di Rio de Janeiro, in Messico, negli Usa, in Francia, sempre con lo stesso metodo, e sempre, sostanzialmente, senza mai scendere in campo. Anni dopo Kaiser torna alla ribalta, e sarà proprio in questa occasione che un giornalista di provincia deciderà di indagare su tutta la vicenda, fino ad arrivare alla conclusione – dopo vari ribaltamenti delle sue convinzioni – , che Kaiser non è stato solo un semplice bugiardo…

Commenti