"Eleanor Oliphant sta benissimo", fortunato romanzo esordio di Gail Honeymann, è tra le sorprese delle classifiche estive. Nella protagonista i lettori trovano un'amica difficile da dimenticare, che insegna che vivere è molto diverso dal sopravvivere...

Abbiamo già avuto modo di occuparci di Eleanor Oliphant sta benissimo, fortunato esordio di Gail Honeymann, pubblicato in Italia da Garzanti lo scorso 17 maggio e che, di settimana in settimana, grazie soprattutto al passaparola, è salito in classifica, fino a rivelarsi una delle sorprese della top ten estiva.

Abbiamo anche scritto della cosiddetta tendenza “up-lit”, in cui questo romanzo va a collocarsi, e del fatto che non si tratta di un successo solo italiano (parliamo di uno dei casi editoriali dell’anno, numeri alla mano, di un libro pubblicato in ben 40 Paesi).

Ma come si può provare a spiegare il successo del romanzo? Senza dubbio, Eleanor Oliphant, la protagonista, è un’antieroina a cui è difficile non legarsi. Nel personaggio nato dalla fantasia della Honeymann le lettrici (e i lettori) trovano infatti un’amica difficile da dimenticare, che insegna che vivere è molto diverso dal sopravvivere.

Inoltre, l’impressione è che in tempi confusi e violenti come quelli che viviamo ci sia bisogno di piccoli gesti di gentilezza, come avviene nel romanzo. Allo stesso tempo, come testimoniano diversi commenti dei lettori, leggendo Eleanor Oliphant sta benissimo si ha la conferma che non bisogna giudicare dalle apparenze. Ma soprattutto, tutti, in fondo siamo un po’ come Eleanor Oliphant…

E c’è di più: il successo del libro non è passato inosservato neanche per l’attrice e produttrice Reese Witherspoon, che ne ha acquistato i diritti per farne un film per Hello Sunshine, una compagnia fondata dalla stessa Witherspoon che mira a realizzare progetti per il cinema e la tv puntando su autrici e romanzi incentrati sulle donne.

 

Commenti