Sweney's, citata nell'Ulisse di James Joyce, è una farmacia dublinese molto particolare: organizza gruppi di lettura, vendita e scambi di libri, e reading

Di tutte le farmacie di Dublino, la Sweny’s è di certo la meno usuale. Nata nel 1847 come studio di consultazione del medico e adibita poi a farmacia, mantiene oggi – quasi – lo stesso fascino di quei tempi, ma con una particolarità: all’interno, alcuni volontari gestiscono una “libreria”, con testi di seconda mano e reading molto speciali.

Nel 1904 entrò un giovane scrittore, poco più che ventenne, a chiacchierare con il farmacista di allora, Frederick William Sweny, a cui chiese un consulto per il libro che stava scrivendo. Anni dopo, un certo Leopold Bloom sarebbe entrato in quella stessa farmacia, avrebbe annusato del sapone lasciato sul bancone e avrebbe aspettato il farmacista.

sweny farmacia joyce dublino

Quel giovane scrittore era James Joyce.

E a Dublino l’amore per lo scrittore è quasi dogmatico: Joyce ha ambientato nella capitale irlandese – la sua città – molta della sua produzione. Così, da qualche anno i volontari hanno organizzato dei veri e propri reading dell’opera: ogni giorno leggono alcuni brani tratti dall’Ulisse, ma non solo. Gli uditori non mancano mai: un ottimo modo per far apprezzare ai visitatori le parole di Joyce.

Il tutto, ovviamente, in un’atmosfera conviviale, con il profumo di sapone al limone che fluttua nell’aria.

Commenti