Nelle librerie e biblioteche americane potrebbero arrivare degli strani telefoni: se digiti un numero, ti consigliano un libro e ti raccontano una storia. L'innovativo progetto "Call me Ishmael"

“E se Ismaele avesse avuto un cellulare?”. Sì, quell’Ismaele, quello di Moby Dick. Da questa domanda, nata una sera in un pub del Greenwich Village a New York mentre discuteva con i suoi amici dei propri romanzi preferiti, Logan Smalley ha preso l’ispirazione per lanciare il primo progetto di storytelling online, “Call me Ishmael”.

Come racconta Bustle.com, il progetto attribuisce al marinaio narratore del romanzo di Melville, una segreteria telefonica dove gli appassionati di libri possono lasciare un messaggio e condividere la storia che li lega a un titolo che hanno particolarmente amato. Le storie vengono poi trascritte, catalogate e pubblicate online: un nuovo modo per i lettori di consigliarsi libri o scoprire novità letterarie attraverso recensioni innovative e più “intime”.

Quando i lettori chiamano il numero, la voce di Smalley, che finge di essere Ismaele, spiega come funziona il progetto e lascia due minuti agli utenti per parlare del libro che ha lasciato un segno nelle loro vite. Ogni notte Smalley ascolta i messaggi della giornata e ne sceglie uno da trascrivere. “Posso dire con sicurezza che la biblioteca di Ismaele, se vista nel suo insieme, è la storia più straordinaria che abbia mai letto“, racconta Smalley a Bustle.com. I libri raccomandati dai lettori vanno dai classici come Delitto e castigo, Il giovane Holden alle ultime uscite.

Collegamento permanente dell'immagine integrata

Visto il successo dell’iniziativa, Smalley e il suo team ha deciso di fare un passo oltre: lanciando una campagna di raccolta fondi su Kickstarter, Call me Ishmael si trasferisce direttamente nelle librerie e nelle biblioteche. Il Call me Ishmael Phone assomiglia a uno di quei telefoni vecchi, ancora con la rotella, ma quando digiti un numero, puoi ascoltare l’aneddoto legato a un libro di qualcuno. È un modo nuovo di cercare un libro, basato sull’esperienza personale di chi lo ha letto, che vale mille volte più di qualsiasi recensione.

Librai e bibliotecari potranno scegliere quali storie su quali titoli includere nel telefono, e cambiarle ogni giorno. Attraverso un’applicazione web potranno anche far suonare il telefono, così che ignari clienti potranno essere conquistati da una storia che non si aspettavano.

Commenti