Saresti un ottimo leader politico?

Se dovessi avviare azioni e strategie per diventare “il vero sovrano del mondo”, come suggerisce Pietro il Grande (1725), a quale paese non ti avvicineresti mai, almeno all’inizio?

1 di 11
A

Turchia

B

India

C

Russia

In un futuro prossimo ti trovi a guidare un attacco militare e, guardando il mondo dall’alto con Google Maps (satellite, per vedere le condizioni fisiche del terreno), devi scegliere la situazione più “agevole”:

2 di 11
A

Uno scontro tra Cina e India

B

Un’azione militare dall’Asia alla Russia asiatica

C

Un’occupazione russa dei territori dell’Ucraina

Quale tra questi fenomeni potrebbe favorire la Cina, in un lontano ma probabile futuro, ad assumere il controllo della Siberia?

3 di 11
A

Il tasso di natalità declinante della popolazione russa e l’emigrazione di massa dei cinesi verso Nord

B

La scarsezza di reti ferroviarie

C

Le condizioni paludose della pianura siberiana vicina a Mosca che porta gli stessi russi a evitare l’occupazione massiccia di tanto vasti territori

Devi gestire le importazioni dagli Stati Uniti alla costa occidentale dell’Italia per trarne maggior profitto, cosa scegli?

4 di 11
A

Il trasporto terrestre

B

Il trasporto marittimo, anche se impiega dalle 2 alle 4 settimane, è il più economico per le grandi quantità di merci

C

Trasporto aereo perché impiega dai 2 ai 12 giorni, in base al prezzo

Per creare una potenza mondiale come la Cina, la tua prima azione sarebbe…

5 di 11
A

Diffondere il liberismo economico perché solo grazie a una solida economia si può ipotizzare un possibile sviluppo

B

Fare investimenti finanziari stranieri

C

Aumentare la forza lavoro a basso costo, con lo svantaggio che devo prima disporre di materie prime

Immagina di essere il braccio destro di Putin, quale di questi aspetti ti spingerebbe verso la Crimea?

6 di 11
A

Possiede l’unico porto su acque tiepide a cui la Russia abbia accesso

B

La volontà di “tutelare i cittadini di etnia russa”, secondo una legge di cui si avvale il Cremlino

C

L’isola ha un clima caldo vicino alla costa, che la rende fertile e bilancia il gelo dell’Artico

Gli Stati Uniti sono diventati la più grande potenza mondiale perché….

7 di 11
A

Non hanno ignorato le regole della geografia, anzi la politica estera globale è dettata da esse

B

Hanno favorito la collaborazione tra popoli in un vastissimo territorio

C

Dopo aver perso la seconda guerra mondiale, si sono impegnati in una politica protezionistica sul loro territorio

L’Europa unita è…

8 di 11
A

L'unico futuro possibile in grado di affrontare le migrazioni e la disgregazione politica attuale

B

Già ben radicata da secoli, almeno dal momento in cui Carlo Magno sconfisse i saraceni

C

Sfavorita dalla sua configurazione montuosa, che ha fatto nascere tanti piccoli Stati e ne ha da sempre impedito l’integrazione e probabilmente un sogno, perché non potrà lottare contro i cambiamenti climatici irreversibili

Un’eventuale espansione cinese in Mongolia avverrà più probabilmente:

9 di 11
A

Con una massiccia azione militare

B

Tramite accordi commerciali, perché la Cina è interessata alle risorse minerali ampiamente presenti in territorio mongolo

C

Attraverso la politica e iniziative diplomatiche per evitare un'occupazione sanguinosa

Una terra penalizzata dalla sua conformazione geografica, come l’Africa:

10 di 11
A

Può svilupparsi ed entrare a far parte del mondo globalizzato, per esempio sfruttando gli stessi fiumi che ostacolavano il commercio per produrre energia elettrica

B

Non può che regredire, perché non ha le condizioni adatte fin dal principio: la geografia è una prigione che definisce ciò che è o può essere una nazione

C

Può creare una tecnologia in grado di valicare ogni limite fisico e governare la natura

Nel contrasto tra Europa settentrionale e meridionale, quale di questi fatti ha più importanza?

11 di 11
A

Il predominio del cattolicesimo al meridione ne ha causato l’arretratezza e l’etica protestante ha spinto i Paesi del Nord a livelli di elevato benessere

B

Il Sud ha meno pianure costiere adatte all’agricoltura perciò ha risentito maggiormente delle siccità e calamità ambientali

C

La produzione industriale si adatta maggiormente ai Paesi con un clima più freddo, quindi al Nord

Tutti i test

Non ci sono Test al momento.