La citazione

« Scrivere di guerre, di migrazione di profughi, è un atto obbligatorio. Contro il silenzio: opaco, atroce, inumano. Scrivere per disfarsi dei pregiudizi, dell’illusione di aver già compreso tutto e della paura. »

D. Quirico

Che cos'è la guerra

Il libraio per te I libri scelti in base ai tuoi interessi

Grazie alle azioni che compi sul sito saremo in grado di fornirti consigli per le tue prossime letture.