Da news

“Notturno di Gibilterra”: il (meta)giallo letterario Gennaro Serio

“Notturno di Gibilterra”: il (meta)giallo letterario Gennaro…

Il ruggito della poesia di Giorgio Caproni

Il ruggito della poesia di Giorgio Caproni

Christophe Palomar "incontra" Joseph Roth

Christophe Palomar "incontra" Joseph Roth

Autrici, autori e librai: sui social (e non solo) le iniziative sulla lettura nei giorni del virus

Autrici, autori e librai: sui social (e…

"La scienza nascosta dei cosmetici": Beatrice Mautino e la divulgazione al tempo dei social

"La scienza nascosta dei cosmetici": Beatrice Mautino…

"Grandi speranze": il programma dell'ottava edizione degli Eventi letterari Monte Verità

"Grandi speranze": il programma dell'ottava edizione degli…

Anna Siccardi racconta uno dei mali di questi anni: la paura di noi stessi

Anna Siccardi racconta uno dei mali di…

"Salgari contemporaneo, re della narrativa d’avventura": il direttore editoriale della Longanesi ricorda Clive Cussler

"Salgari contemporaneo, re della narrativa d’avventura": il…

Noi, il coronavirus e i cortocircuiti dell’identità

Noi, il coronavirus e i cortocircuiti dell’identità

Ventuno modi di non pubblicare un libro

Ventuno modi di non pubblicare un libro

Graphic novel: Manuele Fior torna con la seconda parte di "Celestia"

Graphic novel: Manuele Fior torna con la…

È morto lo scrittore Clive Cussler

È morto lo scrittore Clive Cussler

L'autore

Betty MacDonald

Betty MacDonald

Betty MacDonald (1908–1958) nacque in una famiglia composta da persone di ottimo carattere e piene di risorse. Betty si sposò per la prima volta a vent’anni e subito dopo la luna di miele si trasferì con il marito in un allevamento di galline nella Chimacum Valley, luogo desolato, bollente d’estate e gelido d’inverno. Dopo quattro anni e due figli, Betty tornò con i bambini a casa, a Seattle, dove – correva l’anno 1931 – tentò di trovare un lavoro per mantenersi. Impresa non facile, visto che erano gli anni della Grande Depressione, ma aiutata dalla sorella e dopo aver provato quasi tutto, trovò un lavoro soddisfacente. Purtroppo nel 1937 si ammalò di tubercolosi e venne ricoverata per nove mesi al Firlands Sanatorium vicino a Seattle, affidando le figlie alla madre. Nel 1942 si risposò con Donald C. MacDonald e i due si trasferirono nell’isola di Vashon, vicino a Seattle, dove l’autrice scrisse tutti i suoi libri. Nel 1945 venne pubblicato L’uovo e io, memoir spassosissimo sulla sua esperienza come allevatrice di galline: divenne un best seller e ne fu tratto anche un film. Nel 1946 pubblicò La peste e io, nel 1950 Tutti possono fare tutto, sui suoi tentativi di trovare un lavoro al ritorno dalla Chimacum Valley, e nel 1955 Cipolle nello stufato, sulla sua vita a Vashon Island durante la guerra.

Citazioni libri autore

Non è stata inserita nessuna citazione tratta da questo libro.
La peste e io

La peste e io

B. MacDonald

Colpita a trent'anni dalla tubercolosi, malattia non inusuale ai tempi e terrorizzante come un brutto tumore oggi, Betty viene…

Il libraio per te I libri scelti in base ai tuoi interessi

Grazie alle azioni che compi sul sito saremo in grado di fornirti consigli per le tue prossime letture.