Da news

"La casa degli specchi", il nuovo romanzo di Cristina Caboni

"La casa degli specchi", il nuovo romanzo…

"La filosofia del running": correre come metafora del vivere

"La filosofia del running": correre come metafora…

Le Giornate della traduzione letteraria 2019

Le Giornate della traduzione letteraria 2019

"Book Pride" a Genova: i protagonisti e i temi dell'edizione 2019

"Book Pride" a Genova: i protagonisti e…

A un anno dalla scomparsa di Inge Feltrinelli

A un anno dalla scomparsa di Inge…

Libri: i bestseller dell'estate 2019 in giro per il mondo

Libri: i bestseller dell'estate 2019 in giro…

Per una "grammatica dell'integrazione"

Per una "grammatica dell'integrazione"

L'ironia di Giada Sundas: "Mia figlia è Forrest Gump, non la smette mai di parlare"

L'ironia di Giada Sundas: "Mia figlia è…

Il libro di Giulia De Lellis

Il libro di Giulia De Lellis

Proust e Hahn, storia dell'amore proibito dell’autore della Recherche

Proust e Hahn, storia dell'amore proibito dell’autore…

“Domani c'è ancora tempo”: l’ebook di Francesca Petroni, tra i vincitori del torneo IoScrittore

“Domani c'è ancora tempo”: l’ebook di Francesca…

Luca Sossella editore compie vent'anni

Luca Sossella editore compie vent'anni

L'autore

Betty MacDonald

Betty MacDonald

Betty MacDonald (1908–1958) nacque in una famiglia composta da persone di ottimo carattere e piene di risorse. Betty si sposò per la prima volta a vent’anni e subito dopo la luna di miele si trasferì con il marito in un allevamento di galline nella Chimacum Valley, luogo desolato, bollente d’estate e gelido d’inverno. Dopo quattro anni e due figli, Betty tornò con i bambini a casa, a Seattle, dove – correva l’anno 1931 – tentò di trovare un lavoro per mantenersi. Impresa non facile, visto che erano gli anni della Grande Depressione, ma aiutata dalla sorella e dopo aver provato quasi tutto, trovò un lavoro soddisfacente. Purtroppo nel 1937 si ammalò di tubercolosi e venne ricoverata per nove mesi al Firlands Sanatorium vicino a Seattle, affidando le figlie alla madre. Nel 1942 si risposò con Donald C. MacDonald e i due si trasferirono nell’isola di Vashon, vicino a Seattle, dove l’autrice scrisse tutti i suoi libri. Nel 1945 venne pubblicato L’uovo e io, memoir spassosissimo sulla sua esperienza come allevatrice di galline: divenne un best seller e ne fu tratto anche un film. Nel 1946 pubblicò La peste e io, nel 1950 Tutti possono fare tutto, sui suoi tentativi di trovare un lavoro al ritorno dalla Chimacum Valley, e nel 1955 Cipolle nello stufato, sulla sua vita a Vashon Island durante la guerra.

Citazioni libri autore

Non è stata inserita nessuna citazione tratta da questo libro.
La peste e io

La peste e io

B. MacDonald

Colpita a trent'anni dalla tubercolosi, malattia non inusuale ai tempi e terrorizzante come un brutto tumore oggi, Betty viene…

Il libraio per te I libri scelti in base ai tuoi interessi

Grazie alle azioni che compi sul sito saremo in grado di fornirti consigli per le tue prossime letture.