Da news

Libri, scrittori e cocktail con Petunia Ollister

Libri, scrittori e cocktail con Petunia Ollister

"Friendship tour", scrittori e scrittrici in viaggio contro la Brexit

"Friendship tour", scrittori e scrittrici in viaggio…

L’Agenda Letteraria compie 30 anni

L’Agenda Letteraria compie 30 anni

Giuse Alemanno prosegue il racconto della "Mattanza"

Giuse Alemanno prosegue il racconto della "Mattanza"

Tommaso Landolfi, dandy del Novecento italiano

Tommaso Landolfi, dandy del Novecento italiano

La guida tascabile delle librerie italiane viventi

La guida tascabile delle librerie italiane viventi

Alcuni consigli per quei lettori che non riescono a trovare il momento giusto per leggere

Alcuni consigli per quei lettori che non…

Cantare di fronte al pericolo: i racconti di Amy Hempel

Cantare di fronte al pericolo: i racconti…

Come funziona "Haikujam", l'app per scrivere poesie brevi insieme agli altri

Come funziona "Haikujam", l'app per scrivere poesie…

"L'altro bambino" di Joy Williams, una lettura allucinata

"L'altro bambino" di Joy Williams, una lettura…

"Metà dei libri persi": a Venezia allagata anche la libreria Acqua Alta

"Metà dei libri persi": a Venezia allagata…

Nella Bibbia le radici profonde del razzismo? La riflessione di Alberto Maggi

Nella Bibbia le radici profonde del razzismo?…

L'autore

Ivan Bunin

Ivan Bunin

Ivan Alekseevič Bunin (Voronež 1870 – Parigi 1953), poeta e romanziere, ha ricevuto il premio Nobel per la letteratura nel 1933. Il villaggio (1909) è stato il suo primo romanzo di successo ai quali sono seguiti Valsecca (1911) e numerosi racconti fra cui – considerato il suo capolavoro – Il signore di san Francisco (1915). Abbandonata Mosca, dove viveva, in seguito alla rivoluzione bolscevica, dopo alcuni mesi trascorsi a Costantinopoli, nel 1919 si trasferisce definitivamente a Parigi, dove diventa un rappresentante di spicco della «letteratura dell’emigrazione». Fra le opere di questo periodo, ricordiamo i romanzi L’amore di Mitja (1925), La vita di Arsenev (1930), il racconto lungo L’affare dell’alfiere Elghin, il saggio A proposito di Čhecov, il reportage della guerra civile a Odessa I giorni terribili. Nel corso dell’occupazione nazista durante la seconda guerra mondiale Bunin, che all’epoca viveva a Grasse, ha nascosto e protetto il pianista ebreo Alexander Lieberman e il letterato russo ebreo Aleksandr Bachrach, come testimoniato successivamente dal Congresso Ebraico Russo che ha proposto Bunin all’attenzione dello Yad Vashem per attribuire allo scrittore il titolo di Giusto tra le Nazioni. Ivan Bunin non tornò mai più in patria, e solo con la destalinizzazione le sue opere del periodo rivoluzionario vennero ripubblicate in Russia a partire dal 1955, due anni dopo la sua morte.

Citazioni libri autore

Non è stata inserita nessuna citazione tratta da questo libro.
Il villaggio

Il villaggio

I. Bunin

«La nebbia del crepuscolo nascondeva i campi senza limiti, tutta quell’immensa solitudine, con le sue nevi, i suoi…

Il libraio per te I libri scelti in base ai tuoi interessi

Grazie alle azioni che compi sul sito saremo in grado di fornirti consigli per le tue prossime letture.