Sinossi

Introduzione di Nemi D’Agostino
Traduzioni di Marco Papi e Emilio Tadini

Tra il 1904 e il 1905, mentre è in esilio volontario sul continente, Joyce scrive i quindici racconti di Gente di Dublino che, pubblicati in raccolta nel 1914, lo riveleranno per la prima volta al pubblico dei critici e dei lettori come giovane narratore di talento. Con una sensibilità e un’eleganza che sono già quelle di un grande scrittore, egli indaga partecipe le esistenze della gente d’Irlanda sullo sfondo di una Dublino “cara e sporca”, tragica e fatale nel suo immobilismo stagnante che soffoca ogni desiderio generando solitudine e frustrazioni. Sono storie appena sussurrate, senza inizio e senza fine, senza eroi né intreccio, dove ogni personaggio porta il contributo della propria unicità all’affresco corale. Ma questo mondo piccolo-borghese rappresentato con tratti realistici è anche un microcosmo simbolico costruito per epifanie, come magistralmente testimonia il celeberrimo racconto di chiusura, I morti, emblematico dramma di un fragile matrimonio vissuto all’ombra di un malinconico segreto.

  • ISBN: 8811811597
  • Casa Editrice: Garzanti
  • Pagine: 256

Dove trovarlo

€7,50

Recensioni

Al momento non ci sono recensioni, inserisci tu la prima!

Aggiungi la tua recensione

Citazioni

Al momento non ci sono citazioni, inserisci tu la prima!

Aggiungi citazione

Ancora alla ricerca del libro perfetto?

Compila uno o più campi e lo troverai