il libro

Una specie di vento

Acquista
“Un romanzo-verità che mi ha raggiunto al cuore, un libro che segue i binari della migliore tradizione della moderna letteratura americana.
Antonio Ferrari, Corriere della Sera Antonio Ferrari
Marco Archetti ha restituito la vita, quindi la speranza, ha restituito una forma e una complessità, alle vittime di allora, e ai testimoni, al sopravvissuto che si vergogna di essere sopravvissuto. Archetti ha scritto un romanzo, non una biografia della strage, e ha cantato la vita invece della morte.
Annalena Benini, Il Foglio Annalena Benini
Scrittore di ormai lungo corso, Archetti ha mestiere e talento da vendere, ma qui va oltre sia le tecniche del mestiere, sia il virtuosismo del talento. Fa parlare la purezza del cuore. Ed è quel cuore puro che permette all’autore di dire l’indicibile, di far parlare il silenzio, di mostrare l’invisibile.
Paola Carmignani, Giornale di Brescia
Un racconto che rappresenta la “Spoon river” di Piazza della Loggia. Il romanziere Marco Archetti, autore di “Una specie di vento”, ridà vita senza retorica alle otto vittime della strage che si abbatté su Brescia il 28 maggio di 44 anni fa, quando nella piazza in cui si teneva una manifestazione del “Comitato unitario permanente antifascista” esplose una bomba nascosta in un cestino dei rifiuti.
Left
Otto personaggi erano in cerca d’autore. L’hanno trovato.
Massimo Tedeschi, Corriere della Sera ed. Brescia
Bresciano con stretta di mano robusta e zigomi pasoliniani, Marco Archetti è “Ne du tout fol, ne du tout sage”, da un verso del poeta medievale François Villon. In effetti Archetti non pare un contemporaneo, sembra venire da un’altra epoca dove si cazzeggiava meno e si prendevano le cose più seriamente. Autore unico per stile, lingua e capacità di attraversare i generi.
Gabriele Ferraresi, Sapiens
E’ un libro bellissimo, puntuale nelle ricostruzioni e profondo. Archetti come sempre non delude.
La divoratrice di libri
Piazza della Loggia, 28 maggio 1974
 
«Il 28 maggio 1974, alle ore 10.12, ho smesso di
essere quel che ero e ho cominciato a essere quello
che sarei stato per il resto della mia vita: un
sopravvissuto.»
Redento Peroni, 84 anni, ferito nella strage
 
La Spoon River di piazza della Loggia.
Il romanzo che racconta uno dei momenti più drammatici del nostro Paese.
Un attentato qualificato, a norma dell'art. 285 del codice penale, come strage politica.
 
Una manifestazione antifascista che riuniva partiti e sigle sindacali. Una bomba nascosta in un cestino portarifiuti e un fiume di gente tutt’intorno. L’esplosione, dissero i sopravvissuti, fu “una specie di vento”. Il bilancio: otto vittime e centodue feriti. Poi indagini, depistaggi, omissioni, mezze verità, cinque istruttorie, tredici dibattimenti e due condanne definitive arrivate nel giugno 2017. Quarantatré anni dopo.
 
Marco Archetti, scrittore bresciano, avvalendosi di documenti storici e testimonianze di prima mano, compone un romanzo toccante e prezioso che ridà vita alle otto vittime della strage. Evitando ogni retorica e concentrandosi sulle loro vicende umane, le fa affiorare dal buio ed entrare in scena come in un film. Un atto d’amore e di memoria. E per la prima volta i caduti della strage non sono solo nomi su una lapide commemorativa, ma vengono raccontati come uomini e donne in carne e ossa, “né santi né eroi”, in una Spoon River luminosa, scandita dalla voce di Redento Peroni. Quella mattina si trovava a pochi passi dalla bomba ma il destino volle che il piccolo gesto di uno sconosciuto gli salvasse la vita. Così il suo racconto guida la narrazione e testimonia fatalmente un’epoca della nostra storia recente, anni bui, di piombo ma anche di umanità, tenerezza e legami profondi che hanno molto da dire a ciascuno di noi.
Una storia che è un canto di vita: la morte in ritardo di duecento pagine.
Titolo
Una specie di vento
ISBN
9788861909687
Autore
Collana
Casa Editrice
CHIARELETTERE
Dettagli
192 pagine, Brossura
Prezzo di questa edizione cartacea

Citazioni più amate

Non è stata inserita nessuna citazione tratta da questo libro.
Una specie di vento

Una specie di vento

M. Archetti

Piazza della Loggia, 28 maggio 1974 «Il 28 maggio 1974, alle ore 10.12, ho smesso diessere quel che ero e ho cominciato…

goodreads

Qui potrai visualizzare le recensioni di GoodReads.

DISPONIBILE A MILANO
IN LIBRERIE ADERENTI AL SERVIZIO LIBRICITY

Il libraio per te I libri scelti in base ai tuoi interessi

Grazie alle azioni che compi sul sito saremo in grado di fornirti consigli per le tue prossime letture.

Quali sono i libri che ti emozionano?

Rimani sempre aggiornato
sulle ultime uscite dei tuoi generi preferiti.

Iscriviti alla newsletter personalizzata