il libro

Nella testa di una jihadista

Per scrivere un‘inchiesta, una giornalista francese si finge su Facebook simpatizzante dell‘Isis. Un terrorista si innamora di lei e le chiede di raggiungerlo in Siria. È l‘inizio di un incubo, di una vita segnata dalla condanna a morte.
Anna Erelle si è finta giovane convertita all‘islam per attirare un capo del Califfato. Poi ha svelato i trucchi del reclutamento.
È giusto rischiare la vita in nome dell’informazione?
«Volevo capire cosa pensa davvero un terrorista.»

Marzo 2014 Per comprendere il fenomeno dei giovani occidentali che si arruolano nelle file dello Stato Islamico, la giornalista francese Anna Erelle si crea una falsa identità online e finge di essere Mélodie, una musulmana che vuole abbracciare la Jihad. Viene così in contatto con Abu Bilel, un francese trasferitosi in Siria, braccio destro di Abu Bakr al-Baghdadi, califfo dello Stato Islamico. I due dialogano a lungo su Skype. Dopo meno di una settimana, Bilel chiede a Mélodie di sposarlo e di raggiungerlo in Siria.

25 aprile 2014 Anna/Mélodie parte per la Siria, decisa a raccogliere informazioni per il suo reportage. Ma non tutto va per il verso giusto…

Luglio 2014 Abu Bilel lancia una fatwa contro Anna Erelle.

Novembre 2014 Anna consegna il testo definitivo di Nella testa di una jihadista all’editore Robert Laffont.

7 gennaio 2015 Il mondo è sconvolto dai terribili attentati di Parigi.

8 gennaio 2015 Nella testa di una jihadista esce in Francia ed è immediatamente in testa alle classifiche e al centro del dibattito.

Oggi
Anna Erelle vive costantemente sotto scorta. Ha cambiato casa e identità. I giornali per cui scriveva le hanno vietato di parlare di terrorismo.
Secondo i servizi di sicurezza francesi, Abu Bilel è ancora vivo.

Giovane reporter francese, Anna Erelle, ha indagato a fondo la «propaganda digitale» dello Stato Islamico e i metodi di reclutamento utilizzati dai jihadisti su Internet, la cosiddetta «Jihad 2.0». Nel corso delle sue ricerche è venuta in contatto con decine di giovani europee «reclutate» sui social network e dichiaratesi pronte a partire per la Siria. Per comprendere meglio il fenomeno e realizzare un reportage ha creato l'identità fittizia di «Mélodie». Dalla pubblicazione del suo testo Anna Erelle ha ricevuto diverse minacce. Vive sotto scorta e sotto falsa identità.

Il testo della fatwa lanciata contro «Mélodie»
Fratelli del mondo intero, lancio la fatwa contro questo essere impuro che si è preso gioco dell’Onnipotente. Se la vedete, ovunque siate, rispettate le leggi islamiche e uccidetela. A condizione che la sua morte sia lenta e dolorosa. Chi si fa beffe dell’Islam ne pagherà le conseguenze col sangue. Essa è più impura di un cane, violentatela, lapidatela, finitela. Inshallah.
Titolo
Nella testa di una jihadista
ISBN
9788867022632
Autore
Collana
Casa Editrice
TRE60
Dettagli
272 pagine, Brossura
Prezzo di questa edizione cartacea

Citazioni più amate

Non è stata inserita nessuna citazione tratta da questo libro.
Nella testa di una jihadista

Nella testa di una jihadis…

A. Erelle

È giusto rischiare la vita in nome dell’informazione? «Volevo capire cosa pensa davvero un terrorista.» Marzo 2014 Per…

goodreads

Qui potrai visualizzare le recensioni di GoodReads.

DISPONIBILE A MILANO
IN LIBRERIE ADERENTI AL SERVIZIO LIBRICITY

Il libraio per te I libri scelti in base ai tuoi interessi

Grazie alle azioni che compi sul sito saremo in grado di fornirti consigli per le tue prossime letture.

Quali sono i libri che ti emozionano?

Rimani sempre aggiornato
sulle ultime uscite dei tuoi generi preferiti.

Iscriviti alla newsletter personalizzata

(Visited 19 times, 3 visits today)