il libro

Quanto lontano siamo giunti

La corrispondenza che Sylvia Plath tenne con la madre nell’arco di tredici anni, dall’inizio del college (1950) al suicidio (1963), offre il raro interesse di un epistolario famigliare che rifiuta lo sfogo intimistico per diventare un intransigente diario quotidiano. Passo per passo, seguiamo l’iter artistico ed esistenziale della poetessa: la giovinezza americana secondo il cliché medio-borghese degli anni Cinquanta, gli anni del «pragmatismo» e del maccartismo, la maturazione e l’improvviso erompere della crisi psicologica che porta al primo tentativo di suicidio; e poi l’impatto con l’austerità di Cambridge, l’estasi dell’incontro e del matrimonio con l’altrettanto giovane e promettente poeta Ted Hughes, gli anni duri della verifica e del consolidamento della carriera artistica, fino al rapido sgretolarsi della felicità coniugale e del sogno mistico del «matrimonio letterario», e il riemergere delle pulsioni di distruzione e di morte.
Titolo
Quanto lontano siamo giunti
ISBN
9788860885210
Autore
Collana
Casa Editrice
GUANDA
Dettagli
336 pagine, Brossura
Prezzo di questa edizione cartacea

Citazioni più amate

Non è stata inserita nessuna citazione tratta da questo libro.
Quanto lontano siamo giunti

Quanto lontano siamo giunti

S. Plath

La corrispondenza che Sylvia Plath tenne con la madre nell’arco di tredici anni, dall’inizio del college (1950) al suicidio…

goodreads

Qui potrai visualizzare le recensioni di GoodReads.

DISPONIBILE A MILANO
IN LIBRERIE ADERENTI AL SERVIZIO LIBRICITY

Il libraio per te I libri scelti in base ai tuoi interessi

Grazie alle azioni che compi sul sito saremo in grado di fornirti consigli per le tue prossime letture.

Quali sono i libri che ti emozionano?

Rimani sempre aggiornato
sulle ultime uscite dei tuoi generi preferiti.

Iscriviti alla newsletter personalizzata

(Visited 129 times, 36 visits today)