Sinossi

L’irrealtà si fa largo, ma ciò non avviene a scapito della presunta realtà: quell’insieme di evidenze che – secondo una percezione difficile da scalzare – starebbero lì, davanti ai nostri occhi di testimoni pronti a registrarle. L’irrealtà non sottrae, semmai aggiunge e potenzia, sovvertendo un modo inerte di concepire l’immagine. È questo l’innovativo punto di vista di Arturo Mazzarella, che per illustrarlo chiama a raccolta romanzi-inchiesta, crude sequenze documentali, film di punta. Il suo saggio è un percorso illuminante lungo forme e generi diversi, e tuttavia concordi nel mostrare, attraverso la pratica della contaminazione tra indagine e narrazione o il ricorso a dispositivi fotografici e cinematografici, quanto la finzione abbia ormai innervato i nudi fatti, fino a svelarne la dipendenza costitutiva dall’artificio. Al di là delle intenzioni realiste in cui rimangono impigliati gli scrittori di denuncia alla Saviano, sono proprio i «fantasmi dei fatti» a disancorare la rappresentazione del reale da confini troppo angusti e a rendere credibili letteratura, fotografia e cinema. Solo dove i fatti convivono con i loro fantasmi, ossia con congetture, deformazioni immaginative, miraggi, manipolazioni visionarie, si apre lo spazio in cui è possibile oggi fare esperienza. Il nuovo regime dell’immagine ha finalmente uno statuto riconoscibile.

  • ISBN: 8833921778
  • Casa Editrice: Bollati Boringhieri
  • Pagine: 118

Dove trovarlo

€14,00

Recensioni

Aggiungi la tua recensione

Citazioni

Al momento non ci sono citazioni, inserisci tu la prima!

Aggiungi citazione

Ancora alla ricerca del libro perfetto?

Compila uno o più campi e lo troverai