Sinossi

Amore, colore, dolore, tre parole simili, tre desinenze uguali per definire e descrivere un’anima tormentata e geniale, un’esistenza luminosa seppure pervasa da lunghi periodi di tenebra. Artemisia Gentileschi, donna e pittora, come amava definirsi, in un secolo, il Seicento, dove questo semplice binomio costituisce già scandalo, narra con tutta l’arte di cui è capace la virtù accecante e l’oscuro dipanarsi della propria esistenza: la fortuna di un talento innato, il dolore dello stupro e della dignità venduta; un matrimonio d’interesse e un amore proibito, la gioia dei figli e il buio angoscioso della loro perdita. La folgorante espressività dei suoi capolavori, capaci di stregare i potenti di mezza Europa e la rovina economica per l’avidità con la quale assapora i piaceri della vita. E gli incontri con i grandi dell’epoca: l’amicizia profonda con Caravaggio e l’intesa intellettuale con Galileo, lo splendore della corte papale e dei Medici a Firenze. Il fulgore di Napoli infine, dove viene considerata al pari di Velázquez e dove può riconciliarsi con Dio, accanto all’uomo che ha amato da sempre. Pagine tratteggiate come una tela, dove è possibile percepire l’intensità e il sapore di un periodo storico contraddittorio, attraverso i suoi colori e i suoi odori, soprattutto grazie all’unico grande elemento in cui Artemisia intinge i suoi pennelli: la Verità.
 

  • ISBN: 8867201573
  • Casa Editrice: IoScrittore
  • Pagine: 212

Dove trovarlo

€15,00

Recensioni

Al momento non ci sono recensioni, inserisci tu la prima!

Aggiungi la tua recensione

Citazioni

Al momento non ci sono citazioni, inserisci tu la prima!

Aggiungi citazione

Ancora alla ricerca del libro perfetto?

Compila uno o più campi e lo troverai