I frutti puri impazziscono

Tutti i formati dell'opera

Acquistalo

Sinossi

Rispetto alla letteratura antropologica corrente, centrata sul concetto di cultura, I frutti puri impazziscono costituisce un punto di svolta: per la prima volta, infatti, l’attività degli etnografi – degli «scienziati» – è vista, con piena consapevolezza teorica, come parte della generale storia intellettuale della modernità, e soprattutto come produzione letteraria, attraverso la quale si ristruttura la coscienza dell’Occidente. Una storia in cui rientrano la fondazione del Musée de l’Homme e la spedizione transafricana Dakar-Gibuti, ma anche una suggestiva esplorazione dei rapporti tra surrealismo ed etnografia, la lettura parallela di Conrad e Malinowski, oltre che saggi su Segalen, Leiris, Césaire e la discussione di Orientalismo di Edward W. Said. Clifford muove da una constatazione: ci troviamo tutti in una condizione di «modernità etnografica», spiazzati in mezzo a tradizioni culturali disgregate, vittime di un’instabilità e di uno sradicamento che sono ormai un destino comune. E tuttavia, proprio da quella che potrebbe apparire una catastrofica perdita di autenticità e purezza, emerge la possibilità di una indefinita ricomponibilità degli antichi oggetti culturali in strutture dotate di nuovo senso.

  • ISBN: 8833920542
  • Casa Editrice: Bollati Boringhieri
  • Pagine: 428

Dove trovarlo

€19,00

Recensioni

Al momento non ci sono recensioni, inserisci tu la prima!

Aggiungi la tua recensione

Citazioni

Al momento non ci sono citazioni, inserisci tu la prima!

Aggiungi citazione

Altri libri di James Clifford

Il Libraio per te

Scopri i nostri suggerimenti di lettura

Ancora alla ricerca del libro perfetto?

Compila uno o più campi e lo troverai