il libro

Una merce molto pregiata

Acquista
Questa è una favola, e come tutte le favole inizia con C’era una volta. C’era una volta un bosco, in cui vivevano un povero boscaiolo e sua moglie. I due non avevano figli, e se l’uomo era contento, perché questo significava bocche in meno da sfamare, per sua moglie il desiderio di un bambino da amare era quasi doloroso.
Dopo lo scoppio della guerra, perché nelle favole ci sono le guerre, un treno attraversava spesso il bosco. La moglie del boscaiolo era contenta di veder passare quel treno, il marito le aveva spiegato che era un treno merci. Strane merci, più che altro sembravano persone, a giudicare dalle mani che a volte uscivano tra le sbarre per lanciare bigliettini. Poi un giorno quel treno che la donna ormai crede magico le regala una merce molto pregiata, come a voler esaudire il suo desiderio più grande… Perché la cosa che più merita di esistere, nelle favole come nella vita vera, è l’amore donato ai bambini.
Da uno dei più applauditi scrittori francesi, vincitore di premi prestigiosi, un intenso romanzo-favola che racconta la Shoah con voce lieve e commovente.

Titolo
Una merce molto pregiata
ISBN
9788823524170
Autore
Collana
Casa Editrice
GUANDA
Dettagli
112 pagine, Cartonato
Prezzo di questa edizione cartacea

Citazioni più amate

Non è stata inserita nessuna citazione tratta da questo libro.
Una merce molto pregiata

Una merce molto pregiata

J. Grumberg

Questa è una favola, e come tutte le favole inizia con C’era una volta. C’era una volta un bosco, in cui vivevano…

recensioni

  • UNA MERCE MOLTO PREGIATA. È difficile non provare un brivido nel leggere queste righe, che mescolano la leggerezza del racconto fiabesco alla cruda e disarmante realtà, quale è stata la Shoah. Mi rimane impressa nella mente l’immagine della boscaiola, imprigionata nella sua solitudine, che vive ogni istante della sua giornata per la sua terra, il suo bosco. Nel momento della sua vita nel quale smette di pregare ogni Dio, arriva la Guerra, che oltrepassa e oltraggia il suo mondo, così come la sua vita. Un varco aperto nel freddo e nella miseria della sua foresta, che ospiterà rotaie per far transitare un treno. Il treno diventa novità nella monotonia della sua solitudine, la prospettiva di un futuro migliore, di un cambiamento, la speranza che solo i sogni riescono a darci. E nei sogni, la boscaiola trova il coraggio e la voglia di oltrepassare i propri limiti, avvicinandosi al treno ogni giorno di un passo in più. Quelle mani, che escono dal treno lanciando biglietti in cerca di aiuto che non troveranno, aiuteranno ignare la donna ad alimentare il suo sogno di speranza. Un sogno che custodisce senza condividere con nessuno, per paura che svanisca. Lo stesso treno, le regalerà la sua "merce pregiata", una merce che se avessero avuto alcuni, forse avrebbe ribaltato il destino di molti. Trovo in questo racconto l'incanto e l’illusione che si vivono nelle favole, contrapposta alla cruente e paradossale atrocità della Guerra. É arduo recensire un libro così, nessuna parola scritta renderà "giustizia" a quanto letto. Meraviglioso!

goodreads

Qui potrai visualizzare le recensioni di GoodReads.

DISPONIBILE A MILANO
IN LIBRERIE ADERENTI AL SERVIZIO LIBRICITY

Il libraio per te I libri scelti in base ai tuoi interessi

Grazie alle azioni che compi sul sito saremo in grado di fornirti consigli per le tue prossime letture.

Quali sono i libri che ti emozionano?

Rimani sempre aggiornato
sulle ultime uscite dei tuoi generi preferiti.

Iscriviti alla newsletter personalizzata