Sinossi

Umanità, imparzialità, neutralità,
indipendenza, volontarietà, unità, universalità:
i sette princìpi che hanno dato vita
alla Croce Rossa centocinquant’anni fa,
raccontati oggi da sette voci diverse


Questo libro nasce da una riflessione semplice che si traduce in una domanda importante: chi è la Croce Rossa? E oggi com’è percepi­ta? A centocinquant’anni dalla sua nascita, dopo aver attraversato ed essere uscita in­denne da guerre e conflitti di ogni tipo, essa continua la sua opera di assistenza e di aiuto, garantendo la sua presenza in ogni parte del mondo, nel rispetto dei princìpi su cui è stata fondata – Umanità, Imparzialità, Neutralità, Indipendenza, Volontarietà, Unità, Universa­lità –, gli stessi che sono alla base del nostro vivere civile e comunitario.

A Monica Pais, Luca Beatrice, Michelangelo Pistoletto, Franco Arminio, Walter Veltroni, Chiara Rapaccini, Lucio Cavazzoni è stato chiesto di raccontarli in questo volume, cia­scuno secondo la propria sensibilità e il pro­prio stile di scrittura. Monica Pais, veterinaria in prima linea, straordinaria “aggiustatrice” di randagi maltrattati e abbandonati, ricorda la sua visita ad Amatrice, fra le rovine di un terremoto che incredibilmente ha riconci­liato animali e umani. Luca Beatrice, critico d’arte, afferma l’imparzialità negandola per sé e riconoscendola nello straordinario operato della Croce Rossa. Michelangelo Pistoletto, l’artista dei Quadri specchianti, fondatore di Cittadellarte, il luogo dove si pratica l’arte per il cambiamento della società, narra la forza del simbolo, quella croce che lui ha scompo­sto e ricomposto nel segno del Terzo Paradiso che illustra la copertina. Franco Arminio è poeta, e con parole che assurgono a metafora affronta il principio dell’Indipendenza, adat­tandolo a sé.
Walter Veltroni, politico scrittore, racconta la Volontarietà attraverso una lunga, strug­gente intervista a una volontaria. Sul princi­pio di Unità, Chiara Rapaccini scrive di sua nonna crocerossina che forse, fra i malati da curare in tempo di guerra, ha avuto Gabriele D’Annunzio. Lucio Cavazzoni, che ha a cuo­re la terra e non ha mai smesso di difendere i diritti di chi la lavora, dà vita all’Universalità attraverso brevi, intensi affreschi di vita quo­tidiana e storie di uomini e donne che la in­carnano.

Sette voci più una, l’originaria: la voce di Jean Henry Dunant con il suo diario Souvenir da Solferino, colui che ha dato vita a CRI, la Grande Casa senza porte che sostiene e accoglie le uma­nità, indipendentemente dal colore della pelle, dal credo religioso e dalla condizione sociale. Perché “Siamo tutti fratelli”, il grido che si levò dal sanguinoso campo di battaglia a Solferino nel 1859, non sia un’utopia.

  

  • ISBN: 8832963949
  • Casa Editrice: Chiarelettere
  • Pagine: 192
  • Data di uscita: 09-09-2021

Dove trovarlo

€16,00

Recensioni

Al momento non ci sono recensioni, inserisci tu la prima!

Aggiungi la tua recensione

Citazioni

Al momento non ci sono citazioni, inserisci tu la prima!

Aggiungi citazione

Eventi

Nessun evento disponibile al momento

Tutti gli eventi

Ancora alla ricerca del libro perfetto?

Compila uno o più campi e lo troverai