Sinossi

Nel 1914 – esattamente un secolo fa – Pierre Janet pubblicò nel «Journal de Psychologie Normale et Pathologique» lo scritto che costituisce il testo di questo libro, qui per la prima volta tradotto in italiano. Si tratta dell’intervento tenuto al Congresso di Medicina di Londra del 1913, nel quale Janet aveva rivendicato la primogenitura di una parte delle idee che Freud andava ascrivendo esclusivamente a se stesso. Lo psicologo francese lancia con prosa graffiante anche un monito contro un certo modo di gestire la «nuova scienza della psico-analisi», considerata un dogma intoccabile, tanto da indurre i suoi adepti a sferrare anatemi contro gli «eretici». Dopo questo intervento, Janet diventerà a sua volta un «eretico» e resterà tale per molti anni, fino a quando, in condizioni scientifiche mutate, il suo pensiero verrà riscoperto da più parti e il valore dei suoi studi sul trauma sarà riconosciuto nella sua originalità ed efficacia interpretativa, anche alla luce delle moderne neuroscienze.

  • ISBN: 883397295X
  • Casa Editrice: Bollati Boringhieri
  • Pagine: 167

Dove trovarlo

€8,99

Recensioni

Al momento non ci sono recensioni, inserisci tu la prima!

Aggiungi la tua recensione

Citazioni

Al momento non ci sono citazioni, inserisci tu la prima!

Aggiungi citazione

Ancora alla ricerca del libro perfetto?

Compila uno o più campi e lo troverai