Sinossi

Introduzione di Ezio Savino
Traduzione e note di Nino Marziano

Testo greco a fronte

Questo celebre dialogo (385-378 a.C.), che ha permeato la tradizione spirituale dell’Occidente come forse nessun altro testo antico, è la più completa esposizione della dottrina platonica dell’anima e della sua immortalità. Scintilla divina, l’anima è segregata nel corpo come in un carcere, ma in essa sopravvive il ricordo delle Idee, le perfette essenze che prima della nascita poteva contemplare direttamente e che grazie all’esercizio in vita della virtù e della sapienza si appresta con slancio a ritrovare dopo la morte. Supremo compito della filosofia è proprio liberare l’anima dalla prigione del corpo e prepararla al momento fatale: è questo l’estremo messaggio di Socrate nelle sue ultime ore di vita, di cui il dialogo è un commovente resoconto. Platone tocca le corde più vibranti della sua gamma poetica presentandoci il testamento spirituale del maestro: dichiarazione di fede nella dignità della creatura umana, soggetta a perire nella sua natura corporea ma immortale nella divina essenza dello spirito.

  • ISBN: 8811368553
  • Casa Editrice: Garzanti
  • Pagine: 192

Dove trovarlo

€7,50

Recensioni

Aggiungi la tua recensione

Citazioni

Al momento non ci sono citazioni, inserisci tu la prima!

Aggiungi citazione

Eventi

Nessun evento disponibile al momento

Tutti gli eventi

Ancora alla ricerca del libro perfetto?

Compila uno o più campi e lo troverai