Un parricidio mancato. Hegel e il giovane Marx

Tutti i formati dell'opera

Acquistalo

Sinossi

L’autodafé dell’Unione Sovietica, il suo crollo e la sua autodissoluzione hanno una causa antropologica e filosofica, prima che economica e sociopolitica. Trovano la loro ragione più profonda in una concezione dell’essere umano che è stata solo apparentemente rivoluzionaria, ma che in effetti era arretrata, se non arcaica, simbiotica e fusionale, perché fondata sull’estremismo di un’eguaglianza che ha voluto rimuovere da sé ogni valorizzazione della differenza e dell’autonomia individuale. L’origine teoretica di questo deficit antropologico, come di molte difficoltà delle culture politiche che si sono richiamate al marxismo, va rintracciata secondo Finelli in un atto mancato: nel parricidio troppo affrettato che il giovane Marx ha preteso di consumare nei confronti di Hegel. La ricostruzione di Finelli rompe l’ordine canonico della vecchia marxologia, che esaltava il passaggio dall’idealismo al materialismo, e mostra come rispetto alla originalissima concezione hegeliana del soggetto, che diventa se stesso solo in rapporto con l’alterità, la filosofia della soggettività del giovane Marx opera, attraverso la mediazione di Feuerbach, una vera e propria regressione, che marcherà profondamente la successiva concezione materialistica della storia elaborata insieme con Engels.

  • ISBN: 8833915514
  • Casa Editrice: Bollati Boringhieri
  • Pagine: 320

Dove trovarlo

€28,00

Recensioni

Aggiungi la tua recensione

Citazioni

Al momento non ci sono citazioni, inserisci tu la prima!

Aggiungi citazione

Eventi

Nessun evento disponibile al momento

Tutti gli eventi

Il Libraio per te

Scopri i nostri suggerimenti di lettura

Ancora alla ricerca del libro perfetto?

Compila uno o più campi e lo troverai