copertina Confessioni di un oppiomane

Confessioni di un oppiomane

Tutti i formati dell'opera

Acquistalo

Sinossi

Introduzione di Giovanni Giudici
Traduzioni di Filippo Donini e Renata Barocas

L’oppio come scorciatoia per raggiungere le vette della creatività letteraria: l’autobiografia di De Quincey, pubblicata nel 1822, è sincera e sconcertante fin negli eccessi e nelle ambiguità apologetiche. Racconta piaceri e delizie di questa droga, che regala una quiete atarassica, un’incredibile lucidità, una sensibilità esaltata al massimo grado. Ma non ne tace le pene: una profonda ansietà, una nera malinconia e soprattutto sogni e incubi, notturni spettacoli ultraterreni simili a una discesa in abissi senza sole, che per lo scrittore diventano subito materia per immaginifiche descrizioni. Perché al di là di tanto discorrere sull’oppio, il vero tema che percorre il profluvio lussureggiante delle Confessioni è l’inesauribile capacità di cogliere le voci segrete delle cose, che anticipa la sensibilità simbolista e fa di De Quincey il capostipite di un’intera dinastia di scrittori, da Poe a Baudelaire, da Huxley a Benn.

Il volume comprende anche i racconti Suspiria de Profundis e La diligenza inglese.

  • ISBN: 881136230X
  • Casa Editrice: Garzanti
  • Pagine: 240

Dove trovarlo

€9,50

Recensioni

Aggiungi la tua recensione

Citazioni

Al momento non ci sono citazioni, inserisci tu la prima!

Aggiungi citazione

Altri libri di Thomas De Quincey

Ancora alla ricerca del libro perfetto?

Compila uno o più campi e lo troverai